Venerdì 17 Giugno 2016 - 13:15

LaPresse si rivolge ai legali dopo nota diffamatoria della Fnsi

In merito al comunicato diffuso dalla Fnsi e ripreso ieri da alcuni organi di informazione, ecco il comunicato stampa dell'Editore

La Federazione nazionale della stampa italiana, l’Associazione Stampa Subalpina, l’Associazione Stampa Romana e l’Associazione Lombarda dei Giornalisti ieri pomeriggio hanno diffuso un comunicato denunciando una presunta violazione delle regole contrattuali e pretese situazioni di concorrenza sleale da parte della nostra agenzia.

Si tratta di un’iniziativa molto grave, sia perché è totalmente infondata, sia perché – in palese violazione di tutte le regole – è stato emanato senza alcuna preventiva informazione e condivisione dello stesso con il direttore e con il comitato di redazione. Dato quest’ultimo che, prima di ogni altro, dimostra che l’iniziativa non è stata motivata, come invece vorrebbe farsi apparire, da esigenze di tutela dei giornalisti della nostra agenzia, ma da tutt’altre e non meglio chiarite finalità.

 

La FNSI in data 30 maggio scorso ha inoltrato alla FIEG una richiesta di apertura di un tavolo sindacale facendo riferimento a un inesistente accordo aziendale “con il quale si fronteggia la crisi aziendale con la riduzione di alcuni istituti economici contrattuali”. La società ha risposto alla FIEG in data 13 giugno chiarendo che la società non è in crisi e che, come palesato con la documentazione prodotta, non è stato raggiunto alcun accordo collettivo aziendale, bensì un insieme di accordi singolarmente sottoscritti dai giornalisti a titolo individuale. Accordi, raggiunti con n. 51 giornalisti art. 1 su n. 52 giornalisti in forza, che prevedono un aumento retributivo, nella forma di un superminimo mensile ad personam assorbibile, di Euro 100,00 lordi mensili a tutti i redattori. Un aumento che, rinnovando precedenti intese relative alle maggiorazioni di cui agli articoli 10 e 19 del CNLG che erano state “congelate”, è venuto incontro ai giornalisti riconoscendo – nell’ambito di una forfettizzazione delle relative maggiorazioni – un aumento e, al contempo, rinnovando l’impegno dell’editore al mantenimento dei livelli occupazionali.

 

E’, a dir poco incredibile, che la FNSI ricevuta la predetta risposta in data 14 giugno, due giorni dopo si sia spinta a diffondere un comunicato falso, oltre che giuridicamente privo di fondamento. Un comunicato a cui il direttore e il Comitato di redazione hanno già risposto in modo perentorio ieri sera, denunciando la falsità dello stesso e la sua lesività per la loro dignità e professionalità. E’ gravissimo, e l’editore ha già dato mandato ai propri legali di assumere tutte le più opportune iniziative in tutte le sedi competenti, che la FNSI si sia, inoltre, spinta ad affermare che “C’è motivo di ritenere che tale accordo non sia scaturito da una libera contrattazione tra azienda e Comitato di redazione, ma da un ricatto messo in atto in confronto dei lavoratori”.

 

Niente di più falso, considerato che la proposta dell’editore è stata direttamente formulata ai giornalisti, previa la necessaria condivisione con il direttore e il Comitato di redazione, tramite quest’ultimo. La FNSI, non paga di quanto precede e ben conoscendo che 51 giornalisti su 52 hanno siglato accordi individuali con l’editore, afferma nuovamente il falso quando dice “è ancora più grave il fatto che i lavoratori che si sono rifiutati di sottoscrivere l’accordo sono stati vittime di comportamenti professionalmente discrimatori”.

Nessun comportamento discriminatorio è stato posto in essere nei confronti di chicchessia. Vista la palese falsità delle notizie diffuse con il comunicato sindacale di ieri, gli autori si assumeranno in tutte le sedi competenti le loro responsabilità.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pioggia in centro a Milano

Ancora pioggia, ma la temperatura sale: il meteo del 14 e del 15 dicembre

Le previsioni di questo giovedì e venerdì in Italia

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: fermato presunto omicida

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese