Sabato 16 Settembre 2017 - 21:15

Lampedusa, sindaco: "Chiudere hotspot". E accusa i migranti

Dietrofront di Martello rispetto alla linea dell'ex Nicolini che lo attacca: "Vuoi fare terrorismo"

Lampedusa, sindaco Martello: "Chiudere hotspot, noi a collasso". E accusa i migranti

"Una proposta 'forte', lo so, ma serve una scossa: la situazione a Lampedusa è al limite". Così Totò Martello, neosindaco di Lampedusa, commenta su facebook la sua recente proposta di chiudere l'hotspot sull'isola nel Mediterraneo. E punta il dito contro i migranti accusati di “minacce, molestie, furti”. Quello di Martello è un dietrofront rispetto alla linea dell'accoglienza portata avanti negli anni dall'amministrazione retta da Giusi Nicolini.

“Lampedusa è al collasso, le forze dell'ordine sono impotenti, nel centro ci sono 180 tunisini molti dei quali riescono tranquillamente ad aggirare i controlli: bivaccano e vivono per strada. Chiedo che venga chiuso l'hotspot, una struttura inutile che non serve a niente", ha dichiarato il primo cittadino. E accusa: "Siamo abbandonati".

E' dura la replica di Giusi Nicolini nei confronti dell'esternazione di Martello: "Ho l'impressione che il sindaco di Lampedusa voglia fare del terrorismo". E invita a controllare le denunce ai carabinieri:  "A me risulta solo un furto da un negozio di frutta e verdura, inoltre l'isola è piena di turisti e non mi pare che ci siano state molestie da parte di tunisini".  

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Terremoto Norcia, l'appello del piccolo Marco: salvate il mio pianoforte

Terremoto, scossa di 4.4 magnitudo in provincia di Parma. Paura ma nessun danno

La terra ha tremato alle 13.37, come fa sapere l'Ingv

Roma, ritrovamento di un cadavere in un sottopasso del Muro Torto

Napoli, sparatoria nel cuore della movida: rissa e colpi in strada, feriti 4 minorenni

In via Carlo Poerio, prima la rissa tra due comitive poi i proiettili che hanno raggiunto i giovanissimi

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "L'indifferenza verso i poveri è un grande peccato. Dio non è controllore di biglietti non timbrati"

Il pontefice in occasione della prima giornata mondiale dei poveri: "Prendersi cura di loro è un dovere evangelico e l'indifferenza è un grande peccato"

Roma. Arrivato il freddo, cappelli, sciarpe e cappotti

C'è il sole ma fa freddo: il meteo del 19 e 20 novembre

Secondo le previsioni è previsto un lieve calo delle temperature