Lunedì 07 Agosto 2017 - 11:15

Errani positiva all'antidoping: due mesi di squalifica dall'Itf

La decisione della federazione dopo un controllo a inizio d'anno, ma potrebbe essere involontario. Lei: "Mai assunte sostanze vietate"

Roland Garros, Sara Errani vs Kristina Mladenovic

Squalifica di due mesi. Questa la sanzione inflitta dalla Itf, la federazione internazionale di tennis, a Sara Errani per violazione delle regole antidoping. La sospensione è scattata il 3 agosto e durerà fino al 3 ottobre. Sara è attualmente la numero 98 del mondo (è appena rientarata nelle 100) e ha un best ranking del sesto posto al mondo in singolare. Ha vinto nove tornei Wta (altre 10 volte finalista) e 25 di doppio di cui 5 Grandi Slam.

- "Non ho mai assunto, nella mia vita e durante la mia carriera, nessuna sostanza proibita - ha scritto la Errani in una lettera pubblicata sul suo canale Facebook - . Sono molto arrabbiata ma allo stesso tempo in pace con la mia coscienza, assolutamente consapevole di non aver fatto nulla di male e di non aver commesso nessuna negligenza nei confronti del programma antidoping". La campionessa ha spiegato che sua madre prende un farmaco che contiene letrozolo (la sostanza a cui è stata trovata positiva) e dice che l'unica ipotesi possibile è quella di una contaminazione attraverso il cibo preparato dalla madre. Nei capelli di Sara, infatti, non è stato trovato letrazolo il che significa che ne avrebbe preso meno di una pastiglia, cosa abbastanza strana per chi pensasse di doparsi.

Ecco il testo della lettera che la Errani ha pubblicato sulla sua pagina Fb:

"Il tribunale indipendente nominato ai sensi dell'articolo 8.1 del programma antidoping del tennis - si legge nel comunicato della Itf - ha rilevato che Sara Errani ha commesso una violazione alle norme antidoping" e "di conseguenza ha squalificato l'atleta imponendole un periodo di sospensione di due mesi, a partire dal 3 agosto 2017". La violazione si riferisce ad un controllo fuori dalle competizioni risalente al 16 febbraio. Nell'occasione, è stata rivelata nelle urine dell'azzurra la presenza di letrozolo, un inibitore dell'aromatasi, sostanza inserita nell'elenco 2017 di quelle proibite dalla Wada, l'agenzia mondiale antidoping.

La Federazione Internazionale informa che i campioni della Errani "sono stati inviati al laboratorio accreditato dalla Wada a Montreal, in Canada, per l'analisi, ed è risultato che contenessero letrozolo, un inibitore dell'aromatasi incluso nella sezione S4 (ormoni e modulatori metabolici) dell'elenco 2017 delle sostanze proibite dalla Wada". Il 18 aprile 2017, prosegue la Federazione, la "Errani è stata accusata di aver violato le norme antidoping ai sensi dell'articolo 2.1 del programma (presenza di una sostanza proibita in un campione dell'atleta). Ha prontamente ammesso di aver commesso la violazione delle norme antidoping e ha chiesto l'udienza dinanzi al tribunale indipendente ai sensi dell'articolo 8 del programma per determinare le conseguenze che dovrebbero esserle imposte per tale violazione".

"All'udienza del 19 luglio 2017 - si legge ancora nel comunicato Itf - il tribunale indipendente ha ricevuto le prove e ha ascoltato le argomentazioni giuridiche da entrambe le parti e ha successivamente emesso una decisione motivata il 3 agosto". Il tribunale Indipendente ha stabilito che l'azzurra "dovrà disporre di un periodo di squalifica di due mesi, a decorrere dal 3 agosto e che terminerà la mezzanotte del ottobre 2017". Inoltre, "sarà privata dei risultati conseguiti tra il 16 febbraio 2017 (data della raccolta dei campioni) e il 7 giugno 2017 (e la data del successivo test, risultato negativo), con conseguente perdita dei punti in classifica e dei premi ottenuti negli eventi in quel periodo".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

"Impegno, gioia e testa alta sempre", la dedica di Serena Williams alla figlia

La videolettera della tennista statunitense: "Non smettere mai di giocare"

Lutto nel tennis, morta Jana Novotna

Tennis in lutto, muore Jana Novotna, vinse a Wimbledon

La campionessa ceca degli anni 90 (ne aveva 49) sconfitta dal cancro: 24 titoli in singolo e 76 in doppio

Roger Federer vs David Goffin - ATP World Tour Finals

Atp Finals, impresa Goffin: batte Federer e va in finale

Deluso ma non troppo 'King Roger', che ammette: "Questa settimana non mi sono mai sentito al 100%"

Tennis - ATP World Tour Finals

Nadal si ritira dalle Finals per infortunio: "Era doveroso provare"

La decisione dopo la sconfitta subita contro il belga David Goffin