Venerdì 30 Settembre 2016 - 13:30

Missione compiuta per Rosetta: sonda ha raggiunto sua cometa

Prima di atterrare ha continuato ad inviare foto ad un ritmo di tre al minuto e raccogliere dati

Missione compiuta: la sonda Rosetta ha raggiunto la sua cometa

La sonda Rosetta si è "posata" sulla cometa che ha esplorato per due anni, dopo i dieci trascorsi per raggiungerla. E si è spenta, come previsto: appena toccata la superficie del corpo celeste 67P Churyumov-Gerasimenko, la strumentazione ha smesso di trasmettere dati. I tecnici dell'Agenzia spaziale europea (Esa) hanno applaudito quando la missione si è conclusa. In realtà, a quel punto Rosetta si era già posata da circa un'ora nel suo punto di arrivo a 485 milioni di miglia di distanza: i segnali radio impiegano infatti 40 minuti a 'viaggiare' sino alla Terra. Intanto, sulla porta della principale stanza di controllo allo European Space Operations Centre resta un biglietto: "Addio Rosetta! Ci mancherai", dice.

La decisione di provocare "l'impatto controllato" della sonda era stata presa perché la cometa stava portando Rosetta così lontano dal Sole che presto i suoi pannelli solari non sarebbero più stati in grado di produrre sufficiente energia. Paolo Ferri, a capo della missione, ha commentato: "Penso che siamo tutti molto tristi. Dall'altra parte, la fine della missione doveva arrivare. È stato un modo spettacolare di farla accadere e siamo abbastanza sicuri che fosse la cosa giusta da fare".
 

 

Rosetta aveva raggiunto la cometa il 6 agosto 2014, dopo un epico viaggio di 10 anni. Da allora, con il suo lander Philae, ha trasmesso alla Terra una grande mole di informazioni e immagini, fondamentali per studiare le origini del sistema solare e la vita sulla Terra. La sonda oggi è atterrata nella regione Maat della cometa, disseminata di massi e buche profonde, note per produrre getti di gas e polveri. Nonostante abbia percorso la discesa a soli 1,1 miglia orarie, non era progettata per atterrare e quindi non aveva chance di resistere.

Mentre scendeva, le sue telecamere hanno inviato immagini del luogo dello schianto, al margine di una voragine chiamata Deir El-Medina. Intanto, le sue strumentazioni hanno analizzato polveri e gas vicine alla superaficie. Quando Rosetta era a soli cinque metri dall'impatto, è arrivata l'immagine finale: una superficie irregolare e polverosa, coperta di rocce. Gli scienziati sperano che le fotografie scattate a distanza così ravvicinata aiutino a capire come la cometa, che si pensa sia stata creata dalla collisione di due corpi separati, si sia formata.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ecco il progetto Sherpa: Falchi, vespe e asini robot per il soccorso alpino

Ecco il progetto Sherpa: Falchi, vespe e asini robot per il soccorso alpino

Droni a elica e piccoli trattori per rivoluzionare l'assistenza ai dispersi in montagna

Successo per la nona missione di Vega: in orbita satellite Sentinel 2B

Successo per la nona missione di Vega: in orbita satellite Sentinel 2B

Fa parte del programma Copernicus e monitorerà la salute del nostro pianeta

Google accusa Uber di furto di tecnologia di guida automatica

Google accusa Uber di furto di tecnologia di guida automatica

Alphabet ha fatto causa per presunta sottrazione di informazioni

Spazio, Nespoli: Probabile, forse sicuro che non siamo soli nell'Universo

Spazio, Nespoli: Probabile, forse sicuro che non siamo soli nell'Universo

Ieri la scoperta di un nuovo sistema solare da parte della Nasa