Venerdì 30 Settembre 2016 - 13:30

Missione compiuta per Rosetta: sonda ha raggiunto sua cometa

Prima di atterrare ha continuato ad inviare foto ad un ritmo di tre al minuto e raccogliere dati

Missione compiuta: la sonda Rosetta ha raggiunto la sua cometa

La sonda Rosetta si è "posata" sulla cometa che ha esplorato per due anni, dopo i dieci trascorsi per raggiungerla. E si è spenta, come previsto: appena toccata la superficie del corpo celeste 67P Churyumov-Gerasimenko, la strumentazione ha smesso di trasmettere dati. I tecnici dell'Agenzia spaziale europea (Esa) hanno applaudito quando la missione si è conclusa. In realtà, a quel punto Rosetta si era già posata da circa un'ora nel suo punto di arrivo a 485 milioni di miglia di distanza: i segnali radio impiegano infatti 40 minuti a 'viaggiare' sino alla Terra. Intanto, sulla porta della principale stanza di controllo allo European Space Operations Centre resta un biglietto: "Addio Rosetta! Ci mancherai", dice.

La decisione di provocare "l'impatto controllato" della sonda era stata presa perché la cometa stava portando Rosetta così lontano dal Sole che presto i suoi pannelli solari non sarebbero più stati in grado di produrre sufficiente energia. Paolo Ferri, a capo della missione, ha commentato: "Penso che siamo tutti molto tristi. Dall'altra parte, la fine della missione doveva arrivare. È stato un modo spettacolare di farla accadere e siamo abbastanza sicuri che fosse la cosa giusta da fare".
 

 

Rosetta aveva raggiunto la cometa il 6 agosto 2014, dopo un epico viaggio di 10 anni. Da allora, con il suo lander Philae, ha trasmesso alla Terra una grande mole di informazioni e immagini, fondamentali per studiare le origini del sistema solare e la vita sulla Terra. La sonda oggi è atterrata nella regione Maat della cometa, disseminata di massi e buche profonde, note per produrre getti di gas e polveri. Nonostante abbia percorso la discesa a soli 1,1 miglia orarie, non era progettata per atterrare e quindi non aveva chance di resistere.

Mentre scendeva, le sue telecamere hanno inviato immagini del luogo dello schianto, al margine di una voragine chiamata Deir El-Medina. Intanto, le sue strumentazioni hanno analizzato polveri e gas vicine alla superaficie. Quando Rosetta era a soli cinque metri dall'impatto, è arrivata l'immagine finale: una superficie irregolare e polverosa, coperta di rocce. Gli scienziati sperano che le fotografie scattate a distanza così ravvicinata aiutino a capire come la cometa, che si pensa sia stata creata dalla collisione di due corpi separati, si sia formata.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

#roundacademy: a Torino il primo corso in Italia per diventare Instagram Influencer

Un appuntamento mensile per scoprire che non bastano 10mila follower per fare la differenza

I VIP su Instagram

Sorridi che ti passa: oggi si celebra il World Smile Day

Sorridere fa bene: ecco i motivi per festeggiare la giornata mondiale del Sorriso

Giochi da tavolo, i 10 migliori party games di nuova generazione

I noti Taboo e Trivial Pursuit ora hanno dei nuovi eredi: ecco i giochi di società più divertenti per una serata in famiglia o tra amici

Catturata quarta onda gravitazionale: comincia una nuova astronomia

Il segnale, emesso durante la fusione di due buchi neri, è stato captato dai rivelatori scientifici di VIRGO e LIGO