Martedì 23 Agosto 2016 - 20:30

Paralimpiadi, Russia furiosa per esclusione: Duro colpo a disabili

Il Tas ha respinto il ricorso presentato dal Comitato paralimpico russo contro l'estromissione dai Giochi

Russia furiosa per esclusione da Paralimpiadi: Duro colpo ai disabili

Dura presa di posizione del primo ministro russo Dmitry Medvedev contro la decisione del Tas di confermare l'esclusione della Russia dalle Paralimpiadi 2016 a Rio. Secondo il premier russo quella del Tas è una decisione "cinica" e un duro colpo per tutti i disabili. "La storia sul doping in Russia è cocktail disgustoso con l'80% di politica e il 20% di lotta al doping", ha scritto Medvedev sulla sua pagina Facebook, "in alcuni paesi il doping viene trovato molto rapidamente, in altri mai...". Una scelta che è "illegale e ha dei connotati politici", secondo il ministro dello Sport Vitaly Mutko. Secondo il Tribunale di Losanna, che ha respinto il ricorso presentato dal Comitato paralimpico russo, il Comitato paralimpico internazionale non ha violato alcuna regola procedurale nell'escludere la squadra russa dai Giochi. Per il presidente del Comitato internazionale paralimpico Philp Craven "il sistema antidoping in Russia è corrotto e completamente compromesso",

LEGGI ANCHE 'Rio 2016, niente Paralimpiadi per la Russia'

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Lombardia 2017 - Bergamo - Como - 247 km

Ciclismo, calcio, volley: ecco la tv sportiva su Lapresse.it

Dalla Ciclismo Cup, al Futsal e ai tornei giovanili di calcio. Dal beach volley al pugilato alla Mtb. Con PmgSport, un palinsesto online per chi ama lo sport

Pyeongchang 2018, atleti russi ricorrono al Tas contro l'esclusione dai Giochi

Ieri il provvedimento del Cio dopo il coinvolgimento del Paese nello scandalo doping. Wada: "Decisione consapevole"

Scandalo doping, Russia esclusa da Pyeongchang 2018

Ma alcuni atleti potranno gareggiare ugualmente sotto la bandiera olimpica

Diritti tv, MP & Silva: "Mai avuto rapporti 'riservati' con Galliani"

Il gruppo in una nota: "Ogni riferimento alla MP & Silva apparso sulla stampa è erroneo"