Giovedì 22 Dicembre 2016 - 22:45

La Roma supera il Chievo in rimonta e chiude il 2016 da seconda

3-1 all'Olimpico per i giallorossi di Spalletti

La Roma supera il Chievo in rimonta e chiude il 2016 da seconda

Grazie ai gol di El Shaarawy, Dzeko e Perotti la Roma supera il Chievo 3-1 in rimonta all'Olimpico e chiude il 2016 da seconda in classifica alle spalle della Juventus. Un successo sofferto quello dei giallorossi, fischiati anche dai propri tifosi nel primo tempo, arrivato al termine di una gara resa complicata dal vantaggio ospite di De Guzman. La squadra di Spalletti però dimostra carattere ribaltando il risultato a cavallo fra primo e secondo tempo, per poi chiuderla solo nel recupero con il rigore di Perotti. Il Chievo, dal canto suo, ha avuto il merito di restare sempre in partita anche se a parte l'azione del gol non ha quasi mai impensierito Szczesny. I veronesi cadono dopo due vittorie consecutive, ma possono comunque andare alla sosta natalizia forti di una classifica di assoluto valore.

La Roma cerca il riscatto dopo la sconfitta con la Juve per chiudere l'anno al secondo posto. Spalletti deve fare a meno per infortunio di De Rossi e Manolas ma recupera dal primo minuto Salah e Bruno Peres. In difesa c'è Veramelen, mentre in attacco si rivede El Shaarawy preferito a Perotti. Nel Chievo, Maran rispetto alla vittoriosa gara con la Samp deve rinunciare a Castro e a Cacciatore. In attacco turno di riposo per Pellissier, al suo posto Inglese.

Primo tempo complicato per la squadra di Spalletti, che Roma prende subito in mano il gioco e prova a schiacciare il Chievo nella sua metà campo. Al 10' è Dzeko sfiora la rete con un sinistro a giro sul secondo palo di poco a lato alla destra di Sorrentino. Dopo qualche minuto ci prova El Shaarawy con un destro al volo su assist di Bruno Peres messo in angolo dal portiere. Ancora da una iniziativa dello scatenato Bruno Peres c'è un'altra occasione per Salah che calcia alto sulla traversa. Ma al 20' è il Chievo a sprecare una colossale occasione da gol in contropiede con De Guzman. La Roma replica con una punizione di Bruno Peres dal limite con palla che scheggia il palo alla destra del portiere. Proprio l'esterno brasiliano è il protagonista in negativo al 36' quando si addormenta in area e consente a De Guzman di battere Szczesny con un colpo di testa in tuffo su cross di Izco. La Roma accusa il colpo, ma reagisce immediatamente: prima Dzeko fallisce un gol facilissimo tutto solo davanti a Sorrentino, poi al 45' ci pensa El Shaarawy a firmare il pareggio direttamente su punizione dal limite.

I giallorossi completano la rimonta in avvio di ripresa con una zampata vincente di Dzeko da centro area su assist sempre di El Shaarawy, complice una mezza dormita dell'intera difesa del Chievo. Roma vicina al terzo gol intorno al quarto d'ora con un gran destro da fuori di Bruno Peres di poco a lato. Maran prova a rimescolare le carte inserendo a sorpresa Bastien al posto di Birsa e poi Pellissier per Inglese, ma è sempre la Roma a fare la partita con Dzeko ancora pericoloso alla mezzora con un colpo di testa respinto dal palo. Il bosniaco ci riprova altre due volte, sempre fermato da Sorrentino, poi è Perotti a sbagliare a porta vuota. L'argentino si riscatta nel recupero quando prima si procura e poi con freddezza trasforma il rigore del definitivo 3-1.
 

Scritto da 
  • Antonio Martelli
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Liverpool v AS Roma File Photo

Incidenti Liverpool-Roma: tifoso dei Reds aggredito esce dal coma

Buone notizie per il 53enne picchiato da un gruppo di giallorossi prima della semifinale di andata di Champions

FILES-FBL-WC-2018-TEAM-NAINGGOLAN

Nainggolan verso Inter saluta i tifosi della Roma: "Non ci sto bene. Messo davanti a scelte"

Il giocatore belga risponde su Instagram a un supporter giallorosso che non si rassegna

AS Roma, conferenza stampa di Eusebio Di Francesco

Roma, Di Francesco rinnova fino al 2020: "Felice di continuare questa avventura"

Nella sua prima annata da tecnico giallorosso, ha collezionato 51 panchine, con un bilancio di 29 vittorie, 10 pareggi e 12 sconfitte

Assessore all'urbanistica Pierfrancesco Maran all'uscita di Palazzo Marino

Stadio Roma, Maran: "Non sono eroe, questa è e deve essere la normalità"

Anche l'assessore all'Urbanistica del comune di Milano era stato avvicinato dall'imprenditore, che gli aveva offerto un appartamento in cambio del via libera per realizzare il nuovo stadio del Milan