Venerdì 18 Agosto 2017 - 19:15

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle presenta la sua proposta di riforma costituzionale sul blog di Beppe Grillo. Tra i primi punti vi sono l'abolizione del Cnel e la riduzione del numero dei parlamentari. Fin qui le somiglianze con la riforma voluta dal Pd e bocciata con un referendum dagli italiani sono sostanziali. Tra le somiglianze con le tesi illustrate dal segretario dem Matteo Renzi anche l'abolizione delle Province e l'abbassamento dell'età di voto a 16 anni per entrambe le Camere, proposta non contenuta nella riforma costituzionale che è costata le dimissioni da premier di Renzi.

Ma le somiglianze si fermano qui. Poi la forbice si spalanca. Nel programma Cinquestelle - che sarà votato dagli iscritti - ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale ai soli casi delle opinioni e dei voti espressi nell'esercizio delle funzioni. Verrebbero introdotti in Costituzione anche il vincolo di mandato per i politici e il referendum propositivo.

Per quanto riguarda lo strumento referendario, il M5S vorrebbe abolire il quorum del 50% più uno necessario perché sia valida la consultazione popolare. Altra novità da introdurre nella Carta costituzionale è la cittadinanza digitale per nascita. E per quanto riguarda il complesso capitolo delle competenze fra Stato e Regioni i Cinquestelle propongono di delegare le scelte ai cittadini. "Sarete voi a decidere se è opportuno intervenire sulla divisione delle materie tra Stato e Regioni - spiegano - e sul trasferimento a queste ultime e ai Comuni di funzioni amministrative, anche attraverso una leva fiscale per incentivare questa responsabilizzazione".

L'obiettivo è di ridurre gli apparati burocratici statali e rafforzare il ruolo delle Regioni come enti di raccordo fra Stato e Comuni. La 'riforma costituzionale' pentastellata andrebbe a incidere anche nella parte della Costituzionale che regola i rapporti con l'Europa. Il Movimento vorrebbe rimuovere il pareggio di bilancio dalla Carta mentre vorrebbe inserire l'obbligo di "consultare i cittadini per autorizzare qualsiasi cessione della sovranità popolare ad enti sovranazionali", dai trattati commerciali con il Canada o gli Usa, ma anche eventuali altri accordi su immigrazione e altre questioni internazionali.

Obiettivo dei Cinquestelle è raggiungere la democrazia diretta, ma proprio oggi in un'intervista Luigi Zanda, capogruppo dei senatori Pd, punta il dito contro la democrazia dei clic. "Il clic di 100 o 200 cittadini non rappresenta la democrazia", tuona il senatore che, dopo gli episodi di hackeraggio della piattaforma Rousseau, sottolinea la manipolabilità del sistema. "La famosa democrazia del clic - attacca - è il contrario della democrazia parlamentare. La chiamano diretta, nel senso che è diretta da qualcuno; da Grillo e dalla Casaleggio associati". 

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Assemblea nazionale di Articolo 1 - Mdp

Art 18, la proposta torna in Commissione. Speranza: "Finite aperture con Pd"

Per soli 26 voti la Camera ha mandato indietro il testo suscitanto l'ira del leader Mdp

Corte Costituzionale - Udienza pubblica su Italicum

Dieci vaccini obbligatori e sanzioni ridotte. Ecco il decreto

I principali contenuti del provvedimento approvato quest'estate: dall'anagrafe vaccinale al monocomponente per chi è già immunizzato

Università di Pavia - Inaugurazione dell'anno accademico

"Tempo scaduto". La sinistra va da sola alle elezioni. Lista Mdp-Si-Possibile

L'annuncio dopo l'incontro con Fassino: "Non c'è più margine". Grasso candidato? Lui precisa: "Non ho sciolto la riserva"

5-Star Movement member Di Battista speaks to supporters in front of Montecitorio palace in Rome

M5s, Di Battista: "Niente staffette con Di Maio, voglio stare con mio figlio"

Il deputato spiega al Corriere della Sera perché ha scelto di non ricandidarsi in Parlamento