Venerdì 18 Agosto 2017 - 19:15

Riforma costituzionale M5S: meno parlamentari e stop Cnel

Nel programma Cinquestelle ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale

Roberto Tamagna del Movimento 5 Stelle

Il Movimento 5 Stelle presenta la sua proposta di riforma costituzionale sul blog di Beppe Grillo. Tra i primi punti vi sono l'abolizione del Cnel e la riduzione del numero dei parlamentari. Fin qui le somiglianze con la riforma voluta dal Pd e bocciata con un referendum dagli italiani sono sostanziali. Tra le somiglianze con le tesi illustrate dal segretario dem Matteo Renzi anche l'abolizione delle Province e l'abbassamento dell'età di voto a 16 anni per entrambe le Camere, proposta non contenuta nella riforma costituzionale che è costata le dimissioni da premier di Renzi.

Ma le somiglianze si fermano qui. Poi la forbice si spalanca. Nel programma Cinquestelle - che sarà votato dagli iscritti - ci sono la riduzione dell'indennità parlamentare e la limitazione dell'immunità penale ai soli casi delle opinioni e dei voti espressi nell'esercizio delle funzioni. Verrebbero introdotti in Costituzione anche il vincolo di mandato per i politici e il referendum propositivo.

Per quanto riguarda lo strumento referendario, il M5S vorrebbe abolire il quorum del 50% più uno necessario perché sia valida la consultazione popolare. Altra novità da introdurre nella Carta costituzionale è la cittadinanza digitale per nascita. E per quanto riguarda il complesso capitolo delle competenze fra Stato e Regioni i Cinquestelle propongono di delegare le scelte ai cittadini. "Sarete voi a decidere se è opportuno intervenire sulla divisione delle materie tra Stato e Regioni - spiegano - e sul trasferimento a queste ultime e ai Comuni di funzioni amministrative, anche attraverso una leva fiscale per incentivare questa responsabilizzazione".

L'obiettivo è di ridurre gli apparati burocratici statali e rafforzare il ruolo delle Regioni come enti di raccordo fra Stato e Comuni. La 'riforma costituzionale' pentastellata andrebbe a incidere anche nella parte della Costituzionale che regola i rapporti con l'Europa. Il Movimento vorrebbe rimuovere il pareggio di bilancio dalla Carta mentre vorrebbe inserire l'obbligo di "consultare i cittadini per autorizzare qualsiasi cessione della sovranità popolare ad enti sovranazionali", dai trattati commerciali con il Canada o gli Usa, ma anche eventuali altri accordi su immigrazione e altre questioni internazionali.

Obiettivo dei Cinquestelle è raggiungere la democrazia diretta, ma proprio oggi in un'intervista Luigi Zanda, capogruppo dei senatori Pd, punta il dito contro la democrazia dei clic. "Il clic di 100 o 200 cittadini non rappresenta la democrazia", tuona il senatore che, dopo gli episodi di hackeraggio della piattaforma Rousseau, sottolinea la manipolabilità del sistema. "La famosa democrazia del clic - attacca - è il contrario della democrazia parlamentare. La chiamano diretta, nel senso che è diretta da qualcuno; da Grillo e dalla Casaleggio associati". 

Scritto da 
  • Elisabetta Graziani
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Primi dubbi sul cv di Conte: non è negli archivi della Nyu

Il candidato premier ha dichiarato di aver frequentato dei corsi nell'ateneo americano. Ma lì non sanno chi sia

Mattarella riceve Fico e Casellati. Squadra di governo, Economia e Esteri ancora vuoti

Dalle 11 l'incontro al Colle. Poi il capo dello Stato dovrà decidere se dare l'incarico al candidato premier Giuseppe Conte

L'arrivo della delegazione M5S arriva in Quirinale per le consultazioni con il Presidente Mattarella.

Di Maio: "Momento storico, nasce la terza repubblica: il leader è il programma". E fa il nome di Conte

L'incontro con Mattarella. Esce raggiante: "E' nata la terza repubblica". Salvini: "Più lavoro, meno tasse. L'Italia al centro"

Elezioni Regionali Valle d'Aosta, giornata di spoglio

Valle d'Aosta, Union Valdotaine in testa al 19,25%, vola la Lega a 17,08%

Spoglio centralizzato. L'affluenza è stata del 65,12%, con 67 mila 146 votanti su 103 mila 117 aventi diritto