Domenica 11 Settembre 2016 - 13:15

Nord Corea agli Usa: Ci riconoscano come Stato nucleare

Il governo di Pyongyang: Da Obama atteggiamento stupido. Due giorni fa il quinto test atomico

Corea del Nord agli Usa: siamo Stato nucleare

La Corea del Nord insiste perché  gli Stati Uniti la riconoscano come potenza nucleare, due giorni dopo il quinto test atomico realizzato da Pyongyang.
"Il presidente Obama fa di tutto per negare lo status strategico nucleare della nostra repubblica (il nome ufficiale è infatti Repubblica popolare democratica di Corea, ndr), ma è un atteggiamento stupido cercare di oscurare il sole con il palmo di una mano", ha dichiarato in una nota il portavoce del ministero degli Affari esteri, citato dall'agenzia di stato Kcna.

Il portavoce ha spiegato che il test atomico di venerdì era parte della controffensiva del regime in risposta alla 'minaccia della guerra nucleare' e alle sanzioni imposte sul Paese.
Nel comunicato si difende il diritto della Corea del Nord a salvaguardare la sua sovranità e il suo 'diritto alla sopravvivenza' e la necessità di rispondere alla minaccia e alle provocazioni degli Stati Uniti.
"Continueremo a rafforzarci come nazione nucleare per difendere la nostra autentica pace, la nostra dignità e il diritto alla vita", spiega Kcna.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Situazione al Parlamento di Londra il giorno dopo l'attentato terroristico

Attacco a Londra, per la polizia l'attentatore ha agito da solo

Non sarebbero emersi i legami del killer Khalid Masood con i network del terrorismo. L'attacco è durato in tutto 82 secondi. Delle 11 persone arrestate 9 sono state rimesse in libertà.

Trump ritira la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare

Trump ritira riforma sanitaria che doveva sostituire Obamacare

Non ci sono i voti alla Camera. Il 49% degli americana ritiene che il Trumpcare non sia un miglioramento

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Egitto, scarcerato l'ex presidente Mubarak

Assolto dalle accuse di aver dato ordine di sparare e uccidere dimostranti nel corso della rivoluzione del 2011