Lunedì 07 Novembre 2016 - 17:45

La madre di Tiziana Cantone: Togliete dal web video di mia figlia

La ragazza, vittima di una vera e propria persecuzione online, si è tolta la vita il 13 settembre scorso

Funerale di Tiziana Cantone

"Non è stata mia figlia a diffondere quel video. Voglio fare un appello ai colossi del web affinché vengono responsabilizzati. Bisogna rimuvere quei video". Così, durante la trasmissione 'La Vita in Diretta', la mamma di Tiziana Cantone, la 31enne di Mugnano, nel Napoletano, vittima della persecuzione on line, dopo la diffusione di alcuni video hard. Maria Teresa Giglio, madre della ragazza, che si è tolta la vita il 13 settembre scorso, ha poi detto: "Conto soltanto i giorni che mancano per raggiungere mia figlia".

"Aveva una sensibilità che la rendeva più vulnerabile alle sofferenze. Era intelligente. La vita di mia figlia non è stata mai facile, io ho dovuto fare da padre e da madre", ha aggiunto la donna. 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

RIGIOPIANO UN ANNO DOPO | L'ultimo superstite: "Senza moglie, futuro e orfano dello Stato"

Parla Giampaolo Matrone che nella tragedia ha perso la moglie Valentina: "Farò di tutto perché mia figlia abbia sempre il sorriso"

Farindola, paese in lutto ai funerali di Alessandro Giancaterino

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Abusi edilizi e ritardi, i filoni dell'inchiesta

Sono 23 le persone indagate. Quattro ipotesi di reato: lentezza dei soccorsi, gestione emergenza neve, costruzione dell'albergo, mappa delle valanghe

RIGOPIANO UN ANNO DOPO | Professor Marcella: "Mio allarme inascoltato, ho ancora morte nel cuore"

Parla il ristoratore che provò, invano, a lanciare l'allarme per Rigopiano. Lo trattarono da uno che faceva scherzi inopportuni. Oggi ci soffre ancora

A still image taken from a video shows a survivor, rescued by Italian Firefighters, at the Hotel Rigopiano in Farindola, central Italy, which was hit by an avalanche

SPECIALE RIGOPIANO | Il miracolo dei sopravvissuti: dai Parete al piccolo Edoardo

Le famiglie riunite grazie all'intervento dei soccorsi