Domenica 09 Luglio 2017 - 09:30

La famiglia del piccolo Charlie Gard: La lotta non è finita

L'ospedale dove è ricoverato il bimbo ha chiesto nuova udienza all'Alta Corte

La famiglia del piccolo Charlie Gard: La lotta non è finita

Per la famiglia di Charlie Gard "la lotta non è finita". Il messaggio è stato postato sull'account Twitter @charliesfight dai genitori del bimbo di 9 mesi, Connie Yates e Chris Gard, che hanno ringraziato i loro sostenitori in tutto il mondo per il sostegno alla loro campagna che punta a far sottoporre il piccolo a una terapia sperimentale. Una petizione da consegnare al Great Ormond Street Hospital ha raggiunto le 350.000 firme. "Un grazie enorme a tutti voi che sostenete e diffondete la storia di Charlie! Per favore continuate! La lotta non è finita  #charliegard", si legge in uno dei tweet. L'ospedale pediatrico londinese ha chiesto una nuova udienza all'Alta Corte "alla luce di indicazioni per un potenziale trattamento della sua condizione". I ricercatori dell'ospedale vaticano Bambin Gesu'ieri hanno indicato una terapia a base di deossinucleosidi, molecole simili ai 'mattoni' del Dna. Nel documento diffuso si afferma, sulla base di studi già comparsi su riviste scientifiche e di dati ancora non pubblicati, che queste molecole sono in grado di superare la barriera emato-encefalica, quella che separa i vasi sanguigni dal  cervello, e quindi di avere effetto sull'encefalopatia che ha colpito il piccolo.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Russian President Putin looks on during a signing ceremony during a signing ceremony after a meeting with President of Georgia's breakaway South Ossetia region Bibilov at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin cerca la pace in Mediorente: incontro con Assad contro il terrorismo

Il presidente russo ha annunciato l'intenzione di parlare anche con l'emiro del Qatar, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i leader mediorientali

Argentina col fiato sospeso per i marinai a bordo del sottomarino scomparso

Argentina, i suoni captati non provengono dal sottomarino scomparso

Le speranze di ritrovare l'ARA San Juan, di cui si sono perse le tracce mercoledì al largo della costa sudamericana, sono sempre più deboli

Sede Ema, oggi il verdetto

Agenzia del farmaco, il sorteggio decide per Amsterdam

La terza votazione è finita 13 a 13. Milano sfortunata nell'estrazione. Vola via un indotto da 1,7 miliardi all'anno. Gentiloni: "Che beffa!"

Cavo dell'iPhone danneggiato: muore folgorata 14enne vietnamita

Le Thi Xoan è deceduta durante la notte, col telefono attaccato alla presa