Giovedì 11 Agosto 2016 - 11:45

L'ultimatum di Erdogan agli Stati Uniti: O Turchia o Gulen

Due militari turchi sono fuggiti in Italia dopo il golpe

L'ultimatum di Erdogan agli Usa: Scelgano, o Turchia o Gulen

"Prima o poi gli Stati Uniti dovranno date una scelta. O la Turchia o Gulen". È l'ultimatum del presidente turco Recep Tayyip Erdogan a Washington dopo le ripetute richieste di estradizione dell'imam Fetullah Gulen, accusato da Ankara di aver organizzato il golpe militare fallito del 15 luglio.

Parlando di fronte a migliaia di sostenitori ad Ankara, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa turca Anadolu, Erdogan  ha ribadito che "gli Stati Uniti devono scegliere se appoggiare un'organizzazione terroristica, come quella di Gulen, o un Paese democratico come la Turchia". "Prima o poi dovranno fare una scelta", ha concluso il presidente.

DUE ADDETTI MILITARI SCAPPATI IN ITALIA. Injtanto due addetti militari turchi di base in Grecia sono scappati in Italia dopo essere stati richiamati da Ankara a seguito del golpe militare fallito del 15 luglio. Lo ha confermato il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, spiegando che verranno contattate le autorità italiane per il loro rientro. Parlando all'emittente Ntv, Cavusoglu ha spiegato che molti diplomatici turchi erano ancora in fuga dopo che il governo ha iniziato una serie di purghe tra le truppe e i funzionari dopo il colpo di stato fallito.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%

Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Macron tende la mano a Conte: "Mai date lezioni agli italiani"

Il presidente francese dice la sua sul nuovo governo