Venerdì 06 Maggio 2016 - 14:00

L'olio di palma di nuovo protagonista del web e dei social

Gran parte del tam tam mediatico dovuto al dossier dell'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare

L'olio di palma di nuovo protagonista di web e social

L’olio di palma, da annoverarsi senza dubbio tra le tematiche calde dell’ultimo anno, “scatena” ancora web e social. Molte aziende del settore Food, spinte dalla pressione dei consumatori, meticolosamente attenti ed informati in materia di salute e tutela dell’ambiente, hanno deciso di comunicare ufficialmente la propria posizione nei confronti dell’olio di palma. Tuttavia, tra il 4 e il 6 maggio 2016, complice la pubblicazione del dossier Efsa, i numeri di azioni di engagement effettuati dagli internauti italiani sta toccando vette mai raggiunte sinora: oltre 27.000, in costante crescita (fonte dati: Data Web, Gruppo Data Stampa).

SICUREZZA ALIMENTARE. Gran parte del tam tam (circa 26.000 azioni) è stato veicolato dalle testate online che hanno divulgato dati ed approfondimenti del dossier, 160 pagine, sintesi di inchieste e di anni di studi effettuati dall’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare: l'olio di palma contiene tre sostanze tossiche, una delle quali classificata come cancerogena, il glicidiolo (GE). A rintuzzare la brace le dichiarazioni della dott.ssa Helle Knutsen, presidente del gruppo CONTAM (il team di esperti scientifici dell'EFSA sui contaminanti nella catena alimentare): “L'esposizione ai GE dei bambini che consumino esclusivamente alimenti per lattanti costituisce motivo di particolare preoccupazione, in quanto e' fino a dieci volte quella che sarebbe considerata di lieve preoccupazione per la salute pubblica”. Bambini e adolescenti i più “a rischio”. La valutazione statistica del “rischio” correlato a vari gradi di consumo/esposizione verranno utilizzati dai gestori del rischio della Commissione Europea e degli Stati membri, che regolamentano la sicurezza alimentare nell'UE.

CANALI DEL M5S. Un migliaio di azioni è generato invece dai canali del Movimento 5 Stelle, da tempo schierato contro l’utilizzo dell’olio di palma. Il restante migliaio di azioni è frantumato tra molte decine di testate online che diffondono la notizia in modo polemico, accanendosi contro note aziende del settore food accusate di avvelenare i consumatori in modo consapevole.

CARTA STAMPATA. Sulla carta stampata, secondo i dati di Data Stampa, la tematica non ha ricevuto la stessa eco: tra il 5 e il 6 maggio pochi quotidiani hanno dato spazio al dossier Efsa (Metro, Gazzetta del Mezzogiorno, Unità, Tempo, Libero quotidiano e Voce di Romagna).

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Ancora piogge e temporali: il meteo del 22 e 23 maggio

Le previsioni dell'aeronautica militare

Asti, un reportage tra i luoghi dei 5 omicidi che hanno sconvolto la città

Tabaccaio ucciso durante una rapina: 5 arresti ad Asti

Manuel Bacco perse la vita nel 2014, cercando di difendere la moglie dai malviventi

Blitz allevatori all'Antitrust per la 'Guerra del latte'

Antitrust, al via al 13mo convegno: tra gli sponsor anche Intesa San Paolo

I lavori saranno aperti il prossimo 24 maggio dal Johannes Laitenberger, direttore generale della concorrenza della Commissione europea e dal presidenye Agcom Giovanni Pitruzzella

Bari, turista americana trovata morta in un b&b con lividi sul collo

Fermo, lite culmina in tragedia: pensionato uccide la moglie con un fucile

Le ha sparato tre colpi al petto, durante un litigio in camera da letto