Mercoledì 21 Settembre 2016 - 11:15

Ocse taglia stime del Pil mondiale. Per l'Italia +0,8%

A pesare sull'economia globale il commercio debole e le distorsioni finanziarie

L'Ocse taglia le stime del Pil mondiale. Per l'Italia crescita abbassata allo 0,8%

L'economia va peggio del previsto. L'Ocse taglia le stime del Pil mondiale, fissata al 2,9% per quest'anno e al 3,2% per il 2017, "ben al di sotto delle medie di lungo periodo intorno al 3,75%". "La crescita debole del commercio e le distorsioni finanziarie stanno aggravando la crescita lenta dell'economia globale", denuncia l'Ocse, che "rinnova l'appello per una risposta collettiva più forte attraverso l'uso di politiche fiscali strutturali e commerciali per sostenere la crescita". Male anche la crescita del Pil italiano, che sarà dello 0,8% sia quest'anno che nel 2017. Per gli Stati Uniti, l'Ocse stima una crescita dell'1,4% nel 2016 e del 2,1% nel 2017, per l'Eurozona dell'1,5% e dell'1,4%, per la Germania dell'1,8% e dell'1,5%, per la Francia dell'1,3% per entrambi gli anni. Le precedenti stime per l'Italia, diffuse in giugno, erano dell'1% nel 2016 e dell'1,4% nel 2017.

Dal punto di vista fiscale, si sottolinea, i bassi tassi d'interesse offrono ai governi nuovo spazio "per investire in capitale umano e in infrastrutture fisiche per promuovere la domanda nel breve termine, la produzione nel lungo termine e l'inclusività". Dal punto di vista strutturale, scrive ancora l'Ocse, "servono politiche più ambiziose, in particolare per sostenere il commercio".

"Nel complesso, l'economia mondiale rimane in una trappola di bassa crescita", sottolinea l'organizzazione nel suo Interim Economic Outlook, sottolineando che "le basse aspettative di crescita deprimono il commercio, gli investimenti, la produttività e i salari" e che "gli scarsi risultati a livello di crescita, combinati con un'alta disuguaglianza e utili stagnanti stanno complicando ulteriormente l'ambiente politico, rendendo più difficile perseguire politiche che supportino la crecita e promuovano l'inclusività". Secondo l'Ocse, "i rischi di instabilità finanziaria stanno cresciendo, inclusi quelli che derivano dai tassi d'interesse eccezionalmente bassi e dai loro effetti sugli asset finanziari e sui prezzi immobiliari". In aggiunta, "la politica monetaria è sovraccarica e, in assenza di un'azione di politica fiscale e strutturale forte, non basterà per uscire dalla trappola della bassa crescita, portando a una crescita delle distorsioni finanziarie e dei rischi".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Sharart, quando la sharing economy incontra l'arte

Come circondarsi di sculture e fotografie e quadri personalizzati senza doverli necessariamente acquistare

Dallo stop agli aumenti Iva alla norma 'anti-scorrerie': cosa prevede il decreto fiscale

Dallo stop agli aumenti Iva alla norma 'anti-scorrerie': cosa prevede il decreto fiscale

Il provvedimento, collegato alla legge di bilancio per il 2018, è stato approvato oggi dal Consiglio dei ministri

Il presidente BCE Draghi riferisce in commissione affari monetari

Bce, Draghi difende Qe: "Creati 7 milioni di posti di lavoro". Sponda da Lagarde

Il banchiere centrale è chiaro anche sul costo del denaro. I tassi resteranno bassi ancora a lungo e inizieranno a salire "ben oltre" l'orizzonte di acquisti di titoli di Stato

Cina, Xu Jiayin il più ricco: patron Inter esce dalla Top 10

Cina, Xu Jiayin il più ricco: il patron dell'Inter esce dalla Top 10

Scettro sottratto all'imprenditore Wang Jianlin, numero uno di Wanda Group, sceso in quinta posizione