Venerdì 02 Settembre 2016 - 14:00

Istat: Crescita zero in 2° trimestre. Padoan: Uso selettivo risorse

Il prodotto interno lordo è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente

Cernobbio, Forum The European House Ambrosetti a Villa d'Este

Nel secondo trimestre del 2016 il prodotto interno lordo (Pil) nella lettura finale, stando a quanto comunica l'Istat, è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente ed è aumentato dello 0,8% nei confronti del secondo trimestre del 2015. La stima preliminare diffusa il 12 agosto 2016 scorso aveva misurato la stessa variazione congiunturale e una variazione tendenziale dello 0,7%, quindi un decimale in meno rispetto a quanto comunica oggi. La variazione acquisita per il 2016 è pari a +0,7%.

Migliora quindi anche la stima della crescita acquisita, dal +0,6% comunica ad agosto nella lettura preliminare. Dal lato della domanda interna, spiega l'Istat, i consumi nazionali sono stazionari in termini congiunturali, sintesi di un aumento dello 0,1% dei consumi delle famiglie e di un calo dello 0,3% della spesa della PA, mentre gli investimenti fissi lordi hanno registrato una flessione dello 0,3%. Le importazioni sono aumentate dell'1,5% e le esportazioni dell'1,9%. La domanda nazionale al netto delle scorte ha sottratto 0,1 punti percentuali alla variazione del Pil: si registrano contributi nulli per i consumi delle famiglie e delle Istituzioni Sociali Private (ISP) e per gli investimenti fissi lordi e un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) per la spesa della Pubblica Amministrazione (PA). La variazione delle scorte ha contribuito negativamente per 0,1 punti percentuali, mentre l'apporto della domanda estera netta è stato positivo per 0,2 punti percentuali. Il valore aggiunto registra incrementi congiunturali nell'agricoltura (0,5%) e nei servizi (0,2%) mentre diminuisce (-0,6%) nell'industria. All'interno dei servizi si rilevano settori in flessione e settori in espansione: incrementi significativi riguardano le attività professionali e di supporto (0,5%) e quelle del comparto del commercio, trasporto e alloggio (0,4%); all'opposto, il calo più marcato riguarda le attività finanziarie e assicurative (-0,6%). 

PADOAN: USO MIRATO DI RISORSE PER CRESCERE. In legge di bilancio verrà fatto "un uso selettivo, motivato e mirato delle risorse a sostegno della crescita, della produttività e della competitività". Lo ha annunciato il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, intervenendo al Forum Ambrosetti di Cernobbio. "Ci aspettiamo che le imprese possano approfittarne al meglio", ha sottolineato Padoan.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Paolo Gentiloni al Pirellone di Milano

L'agenzia europea del farmaco a Milano: presentata la candidatura

Paolo Gentiloni al Pirellone con il sindaco Sala: Impegno nazionale e locale per l'Ema. Una grande occasione economica e di prestigio

L'Italia accelera: il Fmi alza le stime del Pil a +1,3% nel 2017

L'Italia accelera: il Fmi alza le stime del Pil a +1,3% nel 2017

Crescita del primo trimestre "sopra le attese" e riduzione dell'incertezza politica fanno bene al nostro Paese

Daniela Santanchè e Dimitri D?Asburgo Lorena al mare a Forte dei Marmi

Mille euro al dì per il Gazebo. A Pietrasanta la spiaggia più cara

Il Codacons realizza la classifica annuale degli stabilimenti balneari più costosi. Vince il Twiga di Briatore

Sfilata di Dolce e Gabbana in Piazza pretoria a Palermo

Moda, alimentare, automazione. Così vola il saldo commerciale italiano

Sono i quattro settori che continuano a tirare. Nel 2016 hanno generato 121,6 miliardi di attivo