Lunedì 02 Ottobre 2017 - 16:00

L'ira di Guardiola: "Barcellona-Las Palmas non si doveva giocare"

Il tecnico indignato dopo gli scontri: "Si contano oltre 700 feriti. E' una vergogna vedere come si sia cercato di impedire ai cittadini di espletare il proprio diritto di voto"

L'ira di Guardiola: "Barcellona-Las Palmas non si doveva giocare"

"Non si sarebbe dovuto giocare". Non usa mezzi termini Pep Guardiola, tecnico del Manchester City, per esprimere la sua disapprovazione per la partita disputata a porte chiuse tra Barcellona e Las Palmas. Il match si è giocato durante il referendum popolare in Catalogna che ha dato esito favorevole alla separazione della regione dalla Spagna.

In un'intervista rilasciata a radio RAC1 il tecnico, da sempre a favore dell'indipendenza, ha dichiarato: "Si contano oltre 700 feriti. E' una vergogna vedere come si sia cercato di impedire ai cittadini di espletare il proprio diritto di voto. Ci sono le immagini e quelle non mentono. Sono veramente indignato". Guardiola ha apertamente criticato il premier spagnolo Mariano Rajoy: "Nel suo discorso non ha nemmeno menzionato i feriti. Siamo stati attaccati da coloro che ci considerano parte della Spagna. Dopo ciò che è accaduto, queste persone non possono darci alcuna lezione".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Champions League - Sevilla vs Spartak Moscow

Shock Siviglia: tecnico Berizzo ha il cancro. Monchi: Vincerai tu

L'argentino, 48 anni, sarà sottoposto alle cure del caso dopo ulteriori accertamenti medici

Nantes, Ranieri scherza: "Psg? Si ferma solo con 22 giocatori"

Ai suoi chiede concentrazione: "Sarà necessario essere compatti e attenti"

Malore per Klopp: l'allenatore del Liverpool in ospedale

Situazione sotto controllo ma potrebbe essere sottoposto ad altre visite nei prossimi giorni

Didier Drogba Foundation investigation

Lo scoop di Didier Drogba: "Addio al calcio giocato nel 2018"

L'ex attaccante del Chelsea appende gli scarpini al chiodo dopo più di 670 partite in otto squadre diverse, tra cui l'Olympique Marsiglia e il Galatasaray