Mercoledì 10 Gennaio 2018 - 15:30

L'esercito birmano ammette ruolo nel massacro dei Rohingya

Dichiarata anche l'esistenza di fosse comuni nello Stato di Rakhine

L'esercito birmano ha ammesso per la prima volta il proprio coinvolgimento nel massacro di dieci membri della minoranza musulmana Rohingya e l'esistenza di fosse comuni nello Stato di Rakhine. "Degli abitanti del villaggio di Inn Din e dei membri delle forze di sicurezza hanno ammesso di aver ucciso dieci terroristi bengalesi", ha scritto un responsabile dell'esercito, facendo riferimento a fatti del 2 settembre scorso. Il suo messaggio definisce i membri della minoranza con il termine dispregiativo spesso usato nei loro confronti.

I Rohingya sono vittime di una campagna di repressione tale, da parte dell'esercito birmano, che l'Onu ha evocato un'operazione di pulizia etnica. Stando all'ultimo bilancio fornito dalle Nazioni unite, sono oltre 300mila i Rohingya arrivati in Bangladesh per fuggire dalle violenze. La fuga in massa è cominciata lo scorso 25 agosto, dopo l'attacco di un gruppo di insorti di questa comunità nello Stato di Rakhine, nel nordovest del paese. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

SAUDI-SOCIETY-WOMEN-DRIVING

Arabia Saudita, stop al divieto di guida per le donne: ma attiviste ancora in carcere

Un evento storico all'interno di un più vasto piano per modernizzare il ricco paese del petrolio

Migranti, summit a Bruxelles. Conte: "Superare regolamento di Dublino"

Al vertice indetto da Juncker hanno aderito 16 Paesi. Macron duro: "La Francia non prende lezioni da nessuno"

Londra, adolescente accoltellato a morte: tre giovani arrestati

La vittima e gli aggressori avevano partecipato insieme ad una festa di compleanno

TURKEY-POLITICS-ELECTIONS

Turchia al voto: i cinque scenari possibili

Erdogan riuscirà a vincere le presidenziali al primo turno e mantenere la maggioranza in Parlamento?