Venerdì 18 Marzo 2016 - 17:00

Patti prematrimoniali, avvocato Rimini: No a stravaganze

A far discutere è l'accordo tra Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, e Priscilla Chan

Zuckerberg alla presentazione del Premio Axel Springer a Berlino

"Spero ci risparmieremo gli aspetti stravaganti, come quelli legati alla vita sessuale". Parola dell'avvocato Cesare Rimini, esperto di diritto di famiglia, commentando gli accordi prematrimoniali. Il riferimento è a svariate postille inserite dalle star oltreoceano per regolare il proprio rapporto con il futuro partner e l'ultimo a far discutere è stato quello tra Mark Zuckerberg e Priscilla Chan: la moglie del fondatore di Facebook ha voluto che fosse scritto nero su bianco che l'impegnatissimo maritino dovrà garantire alla compagna una sessione di sesso "almeno" una volta ogni sette giorni, e dovrà inoltre "donarle" altri 100 minuti alla settimana di "tempo di qualità".

Per il legale, oltre a queste bizzarrie c'è davvero qualcosa di innovativo che irrompe nel quadro giuridico italiano che regolamenta il patrimonio. "E' semplicemente un disegno di legge che vuole sbloccare il fatto che non si possono pattuire modifiche dei diritti indisponibili e dei doveri che derivano dal matrimonio. Ma c'è anche un'altra norma importante. Al momento, la regola per il matrimonio è la comunione dei beni e se non lo vuoi devi esplicitamente dichiararlo. Con questa proposta il problema viene rovesciato: se non dici niente si applica la separazione dei beni".

Scritto da 
  • Claudia Luise
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ascoli, frode fiscale da oltre 660 milioni: coinvolte 78 società

Ascoli, frode fiscale da oltre 660 milioni: coinvolte 78 società

Operazione "Fast Sprint" della finanza in diverse regioni

Mafia, 12 arresti Corleone, anche il nipote di Provenzano

Mafia, 12 arresti Corleone, c'è anche il nipote di Provenzano

Avrebbero tentato di riorganizzare il clan decapitato negli ultimi anni

Delitto Del Gaudio, la nuora confessa: Ho inventato tutto

Delitto di Seriate, nuora di Gianna confessa: Ho inventato tutto

"Non è mai esistito l'uomo incappucciato. Ho mentito perché avevo paura di stare sola a casa"