Lunedì 25 Dicembre 2017 - 12:15

L'appello del Papa: "Riprenda dialogo per soluzione negoziata con due Stati in Terrasanta"

La situazione in Medioriente, le guerre, i migranti: messaggio di Natale dai toni drammatici in piazza San Pietro

La benedizione Urbi et Orbi del Santo Padre Francesco

Papa Francesco sceglie gli occhi dei bambini per ritrovare Gesù e il significato del Natale in  tutti gli angoli del mondo teatro di sofferenza, dove "soffiano venti di guerra e un modello di sviluppo ormai superato continua a produrre degrado umano, sociale e ambientale". Nel messaggio di auguri che tradizionalmente precede la benedizione 'Urbi et Orbi' pronunciata dalla loggia delle benedizioni di fronte a una piazza San Pietro gremita di fedeli, il Santo Padre non manca di rivolgere importanti messaggi geopolitici.

Il Pontefice guarda innanzitutto a Gerusalemme: "Vediamo Gesù nei bambini del Medio Oriente, che continuano a soffrire per l'acuirsi delle tensioni tra Israeliani e Palestinesi - In questo giorno di festa invochiamo dal Signore la pace per Gerusalemme e per tutta la Terra Santa; preghiamo perché tra le parti prevalga la volontà di riprendere il dialogo e si possa finalmente giungere a una soluzione negoziata che consenta la pacifica coesistenza di due Stati all'interno di confini concordati tra loro e internazionalmente riconosciuti", scandisce, ribadendo con forza quella che è stata la linea della Chiesa dopo l'annuncio del presidente Usa Donald Trump di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Francesco non dimentica gli altri teatri di guerra: "Vediamo Gesù nei volti dei bambini siriani, ancora segnati dalla guerra che ha insanguinato il Paese in questi anni. Possa l'amata Siria - dice - ritrovare finalmente il rispetto della dignità di ogni persona, attraverso un comune impegno a ricostruire il tessuto sociale indipendentemente dall'appartenenza etnica e religiosa". E poi  ancora Iraq, Sud Sudan, in Somalia, in Burundi, nella Repubblica Democratica del Congo, nella Repubblica Centroafricana e in Nigeria. "Vediamo Gesù nei bambini di tutto il mondo dove la pace e la sicurezza sono minacciate dal pericolo di tensioni e nuovi conflitti", insiste in un lungo e duro elenco.

Il Pontefice invita a pregare anche per la penisola coreana, affinché "si possano superare le contrapposizioni e accrescere la fiducia reciproca nell'interesse del mondo intero", per il Venezuela "perché possa riprendere un confronto sereno tra le diverse componenti sociali", per Myanmar e Bangladesh, auspicando "che la Comunità internazionale non cessi di adoperarsi perché la dignità delle minoranze presenti nella Regione sia adeguatamente tutelata".

Il Santo Padre, ancora una volta, poi, non dimentica i migranti. "Vediamo Gesù nei molti bambini costretti a lasciare i propri Paesi, a viaggiare da soli in condizioni disumane, facile preda dei trafficanti di esseri umani", dice. Il suo pensiero, poi, va ai  bambini "i cui genitori non hanno un lavoro e faticano a offrire ai figli un avvenire sicuro e sereno". E a quelli "a cui è stata rubata l'infanzia, obbligati a lavorare fin da piccoli o arruolati come soldati da mercenari senza scrupoli".
 

Scritto da 
  • Nadia Pietrafitta
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Firenze, Sting al presidio degli operai Bekaert: concerto a sorpresa coi lavoratori | Video

Sorpresa del cantante e della moglie alla fabbrica di Figline Valdarno dove 318 persone rischiano di perdere il lavoro

Rimini: al via il Meeting 2018

Meeting Cl al via senza big di governo. Messaggi da Colle e Papa

L'edizione di quest'anno non sembra profilarsi come la passerella degli esponenti governativi, a differenza del passato

Crollo Genova, i vigili del fuoco proseguono ispezione area ponte

Genova, commissioni inchiesta Mit: "Ponte crollato per una serie di concause"

Continuano le indagini per accertare le responsabilità della tragedia