Lunedì 25 Dicembre 2017 - 12:15

L'appello del Papa: "Riprenda dialogo per soluzione negoziata con due Stati in Terrasanta"

La situazione in Medioriente, le guerre, i migranti: messaggio di Natale dai toni drammatici in piazza San Pietro

La benedizione Urbi et Orbi del Santo Padre Francesco

Papa Francesco sceglie gli occhi dei bambini per ritrovare Gesù e il significato del Natale in  tutti gli angoli del mondo teatro di sofferenza, dove "soffiano venti di guerra e un modello di sviluppo ormai superato continua a produrre degrado umano, sociale e ambientale". Nel messaggio di auguri che tradizionalmente precede la benedizione 'Urbi et Orbi' pronunciata dalla loggia delle benedizioni di fronte a una piazza San Pietro gremita di fedeli, il Santo Padre non manca di rivolgere importanti messaggi geopolitici.

Il Pontefice guarda innanzitutto a Gerusalemme: "Vediamo Gesù nei bambini del Medio Oriente, che continuano a soffrire per l'acuirsi delle tensioni tra Israeliani e Palestinesi - In questo giorno di festa invochiamo dal Signore la pace per Gerusalemme e per tutta la Terra Santa; preghiamo perché tra le parti prevalga la volontà di riprendere il dialogo e si possa finalmente giungere a una soluzione negoziata che consenta la pacifica coesistenza di due Stati all'interno di confini concordati tra loro e internazionalmente riconosciuti", scandisce, ribadendo con forza quella che è stata la linea della Chiesa dopo l'annuncio del presidente Usa Donald Trump di spostare l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

Francesco non dimentica gli altri teatri di guerra: "Vediamo Gesù nei volti dei bambini siriani, ancora segnati dalla guerra che ha insanguinato il Paese in questi anni. Possa l'amata Siria - dice - ritrovare finalmente il rispetto della dignità di ogni persona, attraverso un comune impegno a ricostruire il tessuto sociale indipendentemente dall'appartenenza etnica e religiosa". E poi  ancora Iraq, Sud Sudan, in Somalia, in Burundi, nella Repubblica Democratica del Congo, nella Repubblica Centroafricana e in Nigeria. "Vediamo Gesù nei bambini di tutto il mondo dove la pace e la sicurezza sono minacciate dal pericolo di tensioni e nuovi conflitti", insiste in un lungo e duro elenco.

Il Pontefice invita a pregare anche per la penisola coreana, affinché "si possano superare le contrapposizioni e accrescere la fiducia reciproca nell'interesse del mondo intero", per il Venezuela "perché possa riprendere un confronto sereno tra le diverse componenti sociali", per Myanmar e Bangladesh, auspicando "che la Comunità internazionale non cessi di adoperarsi perché la dignità delle minoranze presenti nella Regione sia adeguatamente tutelata".

Il Santo Padre, ancora una volta, poi, non dimentica i migranti. "Vediamo Gesù nei molti bambini costretti a lasciare i propri Paesi, a viaggiare da soli in condizioni disumane, facile preda dei trafficanti di esseri umani", dice. Il suo pensiero, poi, va ai  bambini "i cui genitori non hanno un lavoro e faticano a offrire ai figli un avvenire sicuro e sereno". E a quelli "a cui è stata rubata l'infanzia, obbligati a lavorare fin da piccoli o arruolati come soldati da mercenari senza scrupoli".
 

Scritto da 
  • Nadia Pietrafitta
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"