Giovedì 26 Gennaio 2017 - 17:30

L'Antimafia audirà presidenti Figc e Leghe e indagherà su Pantani

Il Comitato 'Mafia e manifestazioni sportive' si occupa per conto dell'Antimafia di criminalità e sport

L'Antimafia chiama in audizione presidenti Figc e Leghe e indagherà su Pantani

Si è riunito oggi il IX Comitato 'Mafia e manifestazioni sportive', coordinato dagli onorevoli Marco Di Lello e Angelo Attaguile, al quale la Commissione parlamentare Antimafia ha delegato il compito di approfondire il tema delle infiltrazioni della criminalità organizzata di tipo mafioso nel calcio professionistico di Serie A, Serie B e Lega Pro.  Il comitato sentirà in audizione congiunta il presidente della Federazione italiana gioco calcio e i presidenti della Lega di Serie A, Serie B e della Lega Pro, oltre al presidente dell'Associazione italiana calciatori (Aic). Il comitato ha fatto sapere che si occuperà anche di "un approfondimento" sulla morte del ciclista Marco Pantani.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Salvini al Palasport di Ponte di Legno per il tradizionale comizio di Ferragosto

Lega, Salvini a Ponte Legno e Bossi a Pontida 'separati in casa'

Salvini e Bossi: una distanza non solo logistica ma soprattutto politica: Salvini alle prossime elezioni nazionali potrebbe presentare una nuova Lega a vocazione nazionale

Viminale. Riunione del Comitato per l'Ordine e la sicurezza

Minniti: "Gestire flussi migratori. Vedo luce in fondo a tunnel"

Il resconto del ministro degli Interni a Ferragosto. E sulle Ong: "Rispettiamo chi non ha firmato il codice"

Assemblea nazionale di Confesercenti

Boldrini: Non lascio social, sarebbe una sconfitta

La presidente della Camera torna a commentare la decisione di procedere per vie legali nei confronti di chi la insulterà sui social network

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Berlusconi e Renzi, nodo alleanze ancora da sciogliere

Le candidature per le elezioni in Sicilia sono in evidente stallo, con Angelino Alfano ancora ago della bilancia