Giovedì 02 Febbraio 2017 - 15:15

Allarme di Orlando: 393 detenuti a rischio radicalizzazione

La maggioranza è nata in Tunisia e Marocco

L'allarme di Orlando: 393 detenuti a rischio radicalizzazione

"Sono complessivamente 393 i detenuti sottoposti ad analisi per rischio di radicalizzazione violenta o proselitismo in carcere, con un diverso grado di pericolosità, di questi 175 a forte rischio di radicalizzazione, 46 sono sottoposti a regime detentivo di alta sicurezza perchè accusati di terrorismo internazionale". Lo ha affermato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel corso di un'audizione davanti alla Commissione Affari costituzionali della Camera. "La maggioranza è nata in Tunisia (115), Marocco (105), Egitto (27) - ha sottolineato il guardasigilli - Vi sono poi 14 soggetti nati in Italia di cui tre con cognome di origine straniera".

"Per 130 di tutti costoro non sono emersi segnali concreti di radicalizzazione; restano pero' sospettati e sottoposti ad osservazione. 88 soggetti, non ancora classificati come radicalizzati, hanno manifestato concreti e ripetuti atteggiamenti, anche in occasione di gravi attentati, che fanno presupporre vicinanza all'ideologia jihadista e quindi propensione alla attività di proselitismo e reclutamento", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

Scuola, ministra Fedeli: "Portare l'obbligo scolastico a 18 anni"

"Si dovrebbe fare una rivisitazione complessiva dei cicli scolastici da un punto di vista della qualità"

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra