Martedì 07 Febbraio 2017 - 12:00

L'agenda di Gardenia è la più venduta nelle edicole italiane

Toccata quota 50mila copie

L'agenda di Gardenia è la più venduta nelle edicole italiane

L’agenda 2017 di Gardenia, venduta in abbinamento opzionale al mensile di Cairo Editore, diretto da Emanuela Rosa-Clot, è stata acquistata da 50.000 italiani ed è la più venduta nelle edicole del nostro Paese. L’ottimo risultato è la somma della distribuzione di novembre 2016 e della ristampa allegata al numero di gennaio 2017.

Pratica e raffinata, ogni mese è decorato da un acquerello realizzato appositamente per questa edizione dall’illustratrice botanica Silvia Molinari, che ritrae dal vero una pianta in fiore in quel periodo dell'anno, assieme a un uccellino selvatico, una libellula, un ramarro, una ranocchia… animaletti colti dalla pittrice nel suo girovagare nella campagna intorno a casa.

L’agenda di Gardenia 2017, è stata sponsorizzata da Blumen, azienda di sementi e prodotti made in Italy per il giardinaggio.

Sia la prima distribuzione che la ristampa sono state supportate da una campagna su TV (La7, reti Mediaset e Rai), stampa (periodici del Gruppo e Corriere della Sera) e punto vendita.

Scritto da 
  • redazione
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vogue Party a Parigi

Molestie, modelli accusano il fotografo Testino. Vogue: "Stop collaborazioni"

Dopo il caso Weinstein, lo scandolo coinvole ora il mondo della moda. Nel mirino anche il collega Bruce Weber

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità

Miss Mondo 2017 è l'indiana Manushi Chhillar, studentessa di medicina

Il suo sogno è quello di aprire una catena di ospedali per le aree più povere del suo paese