Domenica 17 Dicembre 2017 - 23:00

L'accademico iraniano Djalali confessa: "Spionaggio per sabotare programma nucleare"

L'ammissione alla tv di Stato. Secondo la moglie, tuttavia, l'uomo, già condannato a morte, sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione

Foto tratta dal profilo Twitter #SAVEAHMAD

Ahmadreza Djalali, accademico iraniano residente in Svezia, ha confessato alla tv di Stato iraniana di aver fornito informazioni a Israele per aiutarlo ad assassinare diversi scienziati nucleari iraniani. La moglie però, parlando per telefono da Stoccolma, ha dichiarato che l'uomo sarebbe stato costretto dai suoi interlocutori a leggere la confessione.

La Corte suprema iraniana ha confermato la scorsa settimana una condanna a morte contro Djalali, medico e docente al Karolinska Institute di Stoccolma.

Nel reportage televisivo, Djalali è stato collegato all'assassinio di quattro scienziati iraniani tra il 2010 e il 2012. Delitti che per Teheran rappresentavano un chiaro tentativo israeliano di sabotare il suo programma di energia nucleare.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, accordo tra democratici e repubblicani: verso lo stop dello shutdown

Si riapre ora la discussione sulla sorte dei dreamer

Thailandia, italiano ucciso e smembrato: si cerca la ex moglie

Il 61enne trovato nei cespugli vicino a un bacino d'acqua. I sospettati sono la donna e il suo fidanzato francese e il movente potrebbe essere passionale

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore