Mercoledì 08 Marzo 2017 - 15:00

Ketty Passa presenta suo disco: Festeggio donne con 'Caterina'

Esce venerdì il suo album di inediti 'Era Ora'. Da oggi in radio il singolo della cantante dai capelli turchini

Esce oggi in radio, in occasione della Festa della Donna, 'Caterina', il secondo singolo della cantautrice dai capelli turchini Ketty Passa che anticipa l'album di inediti 'Era Ora', nei negozi da venerdì 10 marzo. 'Era ora' strizza l'occhio allo stile americano urban, tra l'electro rock e il tribal hip hop, pur mantenendo il cantato in lingua italiana. È stato finanziato da una campagna su Musicraiser che ha coinvolto i fan della cantautrice, superando i risultati prefissati. Ketty Passa racconta a LaPresse il disco e i suoi progetti per il futuro.

L'8 marzo per il debutto in radio di 'Caterina'. Che significato ha questa data?

"L'Italia è un po' maschilista. Lo è anche musicalmente. Io non vivo la festa della donna non come un traguardo. Ogni 8 marzo mi ricorda che peccato che la donna abbia dovuto vivere questa diversità. E' vero che uomini e donne sono differenti strutturalmente, ma non era necessario evidenziare questa diversità nella vita. Siamo naturalmente diversi, ma questo non dovrebbe far sentire qualcuno migliore di altri. Ho deciso di fare uscire oggi il singolo perchè 'Caterina' è una donna 'diversa'".

E 'Caterina' la ritroviamo anche nell'album 'Era Ora'. Non solo come singolo ma anche come fumetto disegnato nel booklet. Perché l'unione di questi due progetti?  

"Già è faticoso veicolare un disco, farlo anche per un fumetto in questo momento era impossibile. Così ho deciso di unire le due cose. Io amo i fumetti, è anche uno dei motivi dei miei capelli blu. E' la storia di Caterina e del suo micio nero che è la sua coscienza, il grillo parlante. E' molto autobiografico. Per me è divertente, ho cercato di scriverlo con un linguaggio semplice e spero di poterlo veicolare a prescindere dal disco".

A proposito dell'album, cosa si deve aspettare chi lo acquisterà?

"A livello musicale è un disco molto internazionale nel sound, con dei beat vicini al mondo hip hop na con testi in italiano. E' il manifesto di quello che sono io. Volevo presentarmi al mondo con un disco che parlasse di me, con le mie due facce artistiche: l'aspetto romantico-malinconico e quello rock. Ho scelto di scrivere in italiano perché è difficile: la sfida era quella. Mi interessava portare questo sound in Italia. Poi farò qualche versione di alcuni pezzi in inglese, in futuro. Ma non subito".

Musica, fumetti e anche televisione con 'Nemo' (in onda su Rai2), di cui Ketty Passa è deejay e consulente musicale...

"La televisione è un ambiente che ti assorbe completamente. La fortuna che ho a 'Nemo' è che mi occupo della selezione musicale, quindi faccio esattamente quello che faccio nei locali. Accompagno la parte narrativa con la musica. E' bello mentalmente. E in redazione mi confronto con dei guru come Sortino e Lucci. E' un programma intelligente e innovativo, sono fiera di farne parte".

Scritto da 
  • Chiara Troiano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, 40° anniversario dalla morte di Elvis Presley a Memphis

Quarant'anni senza il Re del Rock: l'omaggio dei fan davanti alla casa di Memphis di Elvis

Una veglia in Tennessee in memoria del cantante che ha cambiato la storia della musica

Taylor Swift, her mother Andrea and attorney Jesse Schaudies react to the verdict being read in Denver Federal Court where the Taylor Swift groping trial goes on in Denver

Taylor Swift vince in tribunale contro dj che le palpò fondoschiena

Risarcimento simbolico di un dollaro per la cantante statunitense: "Deve servire da esempio per le altre donne che potrebbero essere riluttanti a denunciare"

Festival Federico Cesi, il suono dei borghi umbri diventa un concerto

L'Umbria raccontata dalla musica classica per un mese intero

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria in aula contro il dj David Mueller

Taylor Swift e le molestie sessuali: prima vittoria contro il dj

I giudici hanno respinto la denuncia del disc jockey, che aveva accusato la cantante di averlo fatto licenziare senza giusta causa