Domenica 23 Aprile 2017 - 13:00

Kenya, ferita da spari l'autrice italiana di 'Sognavo l'Africa'

La scrittrice ambientalista vive da tempo in Africa

La scrittrice di origini italiane Kuki Gallmann in una foto del suo profilo Facebook

Uomini armati hanno sparato in Kenya ferendo la scrittrice ambientalista di origini italiane Kuki Gallmann, autrice del libro 'Sognavo l'Africa' che ha ispirato il film 'Sognando l'Africa'. Lo riferisce a Reuters una fonte vicina alla famiglia della donna, spiegando che l'autrice 73enne è stata raggiunta da colpi allo stomaco dopo che le è stato teso un agguato mentre era alla guida di un veicolo nel suo parco nel nord del Paese, il Laikipia Nature Conservancy. Gallmann è stata trasportata in elicottero all'ospedale di Nanyuki, nella regione di Laikipia, e poi trasferita a Nairobi. Si tratta dell'ultimo di una serie di attacchi avvenuti negli ultimi mesi nella regione, colpita dalla siccità: ultimamente pastori armati in cerca di pascoli per il bestiame fanno irruzione in fattorie e ranch privati. Molti residenti, tuttavia, parlano anche di motivazioni politiche, accusando i politici locali di incitare alla violenza in vista delle elezioni di agosto: sostengono che alcuni politici stiano provando a cacciare gli elettori che possono opporsi a loro e tentino di ottenere voti promettendo l'accesso a terreni privati.

Gallmann, dal cui libro autobiografico è stato tratto il film del 2000 'Sognando l'Africa' in cui lei veniva interpretata da Kim Basinger, stava perlustrando il suo terreno dopo che ieri alcuni intrusi avevano bruciato un rifugio. Il mese scorso anche un hotel di lusso era stato bruciato nella zona. Secondo quanto riferisce l'amico di famiglia, mentre era sul veicolo è stata costretta a fermarsi per la presenza di un albero a terra lungo il percorso; a quel punto gli assalitori le hanno sparato contro, ma Gallmann è stata salvata dall'intervento dei ranger del Servizio fauna selvatica del Kenya, che si sono scontrati con gli aggressori. La famiglia Gallman possiede il parco Laikipia Nature Conservancy, di 400 metri quadrati, e dà lavoro a 250 kenyoti in lodge di lusso e altre attività sparse sul terreno. Gestisce inoltre i gruppi Gallmann Memorial Foundation e Gallmann Africa Conservancy, per la difesa dell'ambiente, che concentrano la propria attività sulla sostenibilità della convivenza fra uomini e animali.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Open Arms: "Nessuna denuncia contro l'Italia". La Libia respinge le accuse

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"

Foto diffusa dal profilo Instagram di Kensington Palace - Credit: Matt Porteus

Il principe George compie 5 anni: tanti auguri al royal baby più amato

Pioggia di messaggi affettuosi sui social. E in dono arriva anche una moneta commemorativa

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio