Martedì 21 Marzo 2017 - 14:00

Juventus-Milan: minacce ad arbitro Massa, indaga la Digos

Ha ricevuto una telefonata anonima e una lettera minatoria

Juventus-Milan: minacce ad arbitro Massa, indaga la Digos

Davide Massa, l'arbitro della sezione di Imperia che ha diretto la partita Juventus-Milan dello scorso 10 marzo, è stato minacciato per alcune delle decisioni prese durante il match. Sul caso, scrivono le redazioni locali di 'Stampa' e 'Secolo XIX', sta indagando la Digos. Due i messaggi che riguardano Massa, entrambi recapitati presso la sezione provinciale dell'Aia di Imperia: una telefonata anonima e una lettera minatoria, anche questa anonima. I messaggi contengono riferimenti alla vita lavorativa e privata e anche alla famiglia di Massa. I fatti sono stati riferiti alla polizia che si è immediatamente attivata. Per il momento, scrivono 'Stampa' e 'Secolo', non sarebbero stati presi provvedimenti a tutela dell'arbitro o dei suoi familiari, anche se la questione sarà probabilmente al centro del comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico della prefettura. Della vicenda sarebbe stata informata anche la procura della Repubblica.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FIGC, Consiglio federale a Roma

Figc, tre candidati più Lotito. Al voto il 29. Rischio stallo

Il mondo del calcio fatica a rinnovarsi. In corsa Tommasi (Aic), Gravina (LegaPro) e Sibilia (Lnd) che è leggermente favorito. Cairo: "Non voterei Lotito"

Anche Sibilia in corsa per la Figc. Attesa per la decisione di Lotito

Il numero uno della Lega Dilettanti dopo l'investitura: "Io sono il nuovo, avanti fino in fondo per vincere"

GER, FC Bayern Muenchen vs SG Sonnenhof Grossaspach

Calciomercato, Inter accelera per Rafinha. Napoli, ecco Machach

Il centrocampista è più vicino ai nerazzurri, che propongono al Barcellona la formula del prestito con riscatto fissato a 20 milioni

Europa League - Zenit Saint Petersburg vs FK Vardar

Mancini e il sogno Mondiale: "Diventare ct azzurro sarebbe un onore, sogno vittoria"

In caso di nomina a tecnico azzurro, nessuna nostalgia del lavoro quotidiano, ha assicurato lo jesino