Domenica 08 Maggio 2016 - 11:45

Juventus, Mandzukic: Resto al 100%, Allegri mi ha aiutato tanto

"Sono rimasto davvero impressionato dall'organizzazione del club"

Mario Mandzukic

"Voglio restare al 100%, sono rimasto davvero impressionato dall'organizzazione del club. Sono davvero felice qui, sono stato sfortunato con gli infortuni ma ora mi sento benissimo". Così in un'intervista al quotidiano croato 'Novosti Sportske' l'attaccante della Juventus Mario Mandzukic. "L'inizio a Torino non è stato semplice, avevo dei problemi fisici e mi confrontavo con il calcio italiano. È servito tempo per compattare la squadra: la svolta è arrivata dopo il ko di Sassuolo: negli spogliatoi ci siamo guardati negli occhi e confrontati - ha aggiunto il centravanti - in quel momento ho capito che questa squadra aveva carattere e che la Juve avrebbe fatto un grande campionato".

Mandzukic ha poi parlato di Allegri: "Mi ha aiutato tantissimo, mi ha sempre sostenuto: è un uomo di carattere e i risultati parlano per lui". La punta ex Bayern è fiduciosa: "La cosa importante è mantenere questo gruppo ed inserire un paio di stelle: così potremo lottare per vincere la Champions, la prossima stagione possiamo fare ancora meglio".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Alla festa degli juventini spunta la bara di Insigne. Napoli: "Gesto grave"

Lo screenshot preso da un live di Douglas Costa: è polemica

Juventus vs Hellas Verona

Juve supera il Verona 2-1 tra festa scudetto e commozione addio Buffon

Tra lacrime e applausi, tra commozione e gioia, ora la festa bianconera può iniziare davvero

Juventus vs Hellas Verona, Buffon esce dal campo tra standing ovation e lacrime dello Stadium

Juve, gioia e lacrime per la festa scudetto e l'addio di Buffon

Applausi e lacrime, standing ovation, solo ed esclusivamente cuori, nessun bidone dell'immondizia

Roma - Juventus

Buffon, addio in perfetto stile Juve senza melodrammi e un tarlo

Diciassette anni con la medesima maglia sono (quasi) un record. Il futuro? Dietro una scrivania, in Federcalcio oppure ancora in gioco, ma all'estero