Giovedì 28 Aprile 2016 - 17:45

Juve, Sturaro: Scudetto vera impresa, ora vincere Coppa Italia

"Qual è stata la gara della svolta? Non ne sceglierei una perché ce ne sono tante"

Stefano Sturaro

 "E' una vittoria fantastica, quella che abbiamo conseguito. Tutti hanno potuto vedere come quella che abbiamo appena compiuto sia stata una vera impresa". Così il centrocampista della Juventus Stefano Sturaro ai microfoni di Jtv ha definito la vittoria dello scudetto. "Qual è stata la gara della svolta? Non ne sceglierei una - ha sottolineato - Perché ce ne sono tante: penso per esempio al derby, alla partita con il Manchester City al ritorno in Champions League, ma anche la sconfitta con il Sassuolo o la vittoria in casa con il Napoli, mesi dopo".  Anche la vittoria esterna sul Palermo, in cui l'ex Genoa ha segnato un gol pregevole, ha contribuito al filotto bianconero. "Anche quella fu una partita importante, ma non per la mia rete - ha evidenziato - Quella fu solo una ciliegina sulla torta, io metto sempre il bene della squadra davanti alle mie soddisfazioni personali". Sturaro ora vuole chiudere al meglio la stagione. "Abbiamo tre partite da onorare, sebbene siamo Campioni d'Italia, e soprattutto una Finale di Coppa Italia da vincere", ha concluso il giocatore bianconero.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Juventus

Juventus, Marotta fa il punto sul mercato: "Higuain e Mandzukic restano. Milinkovic? Costa troppo"

"L'operazione Emre Can si può definire nel giro di 10 giorni", ha dichiarato l'ad bianconero

Juventus vs Milan - Finale Coppa Italia TIM 2017/2018

Calcio, Allegri resta alla Juve ma per ora niente rinnovo

Vertice fra il tecnico e la dirigenza bianconera presso la sede del club alla Continassa

Alla festa degli juventini spunta la bara di Insigne. Napoli: "Gesto grave"

Lo screenshot preso da un live di Douglas Costa: è polemica

Juventus vs Hellas Verona

Juve supera il Verona 2-1 tra festa scudetto e commozione addio Buffon

Tra lacrime e applausi, tra commozione e gioia, ora la festa bianconera può iniziare davvero