Lunedì 14 Novembre 2016 - 17:15

Juve, Marotta: 6/o scudetto storico. Champions? Puntiamo al massimo

L'ad risponde alle critiche: "Vinciamo ma non giochiamo bene? L'importante è ottenere la vittoria"

Juve, Marotta: 6/o scudetto storico. Champions? Puntiamo al massimo

"Gli obiettivi? Credo che il sesto scudetto di fila rappresenterebbe davvero qualcosa di storico e di unico. E poi con tutto lo staff della Juventus, dal punto di vista del bilancio, dobbiamo incrementare i ricavi, perché oggi la concorrenza è più pronunciata rispetto ad alcuni anni fa". Queste le parole dell'ad e dg della Juventus, Giuseppe Marotta, a un un convegno sul futuro del calcio italiano, a Milano, prima di ricevere il premio come manager sportivo dell'anno. E, a margine, a proposito del traguardo Champions, ha risposto: "Ci si partecipa per ottenere il massimo. Noi abbiamo questo obbligo, quello di dare il massimo. Se poi dare il massimo significa arrivare in alto, ben venga".

Rispondendo alle critiche di chi dice che la Juve vince ma non gioca bene, Marotta ha spiegato: "L'importante è vincere, poi se la vittoria viene attraverso un gioco spettacolare, ben venga. Non è facile perché, quando giochiamo noi, il livello di motivazione degli avversari è davvero forte. Ciò nonostante auspichiamo che si possa sempre divertire e generare emozioni, che è uno dei nostri obiettivi", ha concluso.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FBL-ITA-SERIEA-TORINO-JUVENTUS

Higuain infortunato ringrazia i fan e assicura: "Tornerò presto"

Distorsione alla caviglia per il 'Pipita', ma Allegri non si preoccupa: "Non è niente di grave"

Torino vs Juventus

Toro-Juventus 0-1, le pagelle: Bernardeschi top, Belotti flop

I voti ai giocatori in campo. Bene Chiellini, male Falque

Torino vs Juventus

Il Derby è ancora della Juve: Alex Sandro 'mata' il Toro

Ai bianconeri basta un gol per vincere il terzo derby in questa stagione

FBL-ITA-SERIEA-FIORENTINA-JUVENTUS

Juve, Allegri: "Derby snodo fondamentale. Champions non sia un'ossessione"

Tra nuovi e vecchi acciaccati, la formazione è ancora una volta fortemente condizionata