Mercoledì 30 Dicembre 2015 - 15:30

Juve, Lichtsteiner: Berlino grande delusione, ma ci riproveremo

Il difensore della Juventus stephan Lichtsteiner racconta in un'intervista esclusiva a Mediaset premium il 2015 ricco di successi

Il difensore della Juventus Stephan Lichtsteiner

"Un po' me l'aspettavo. Sapevamo che sarebbe stato un altro anno difficile, anche per il cambio dell'allenatore. La squadra comunque è forte, abbiamo grandi campioni che giocano su alti livelli da anni, quindi da questo punto di vista non sono stato sorpreso per l'anno che abbiamo fatto". Così il difensore della Juventus Stephan Lichtsteiner nel corso di una intervista esclusiva a Premium Sport sul 2015 ricco di successi del club bianconero. Sulla finale di Champions e sui minuti tra il pareggio di Morata e il 2-1 di Suarez, dichiara: "Secondo me abbiamo fatto bene a giocare in quel modo dopo il gol di Morata, perché c'è stata una situazione in cui potevano darci un rigore, altri due tiri in cui potevamo fare meglio e se fossimo andati in vantaggio sarebbe stata un'altra partita. Ora comunque è finita, fa sempre male ma non ci dobbiamo più pensare. Ci riproveremo quest'anno. Ci sta perdere col Barcellona ma rimane comunque una grande delusione perché volevamo vincere a tutti i costi, eravamo vicini a farlo contro la squadra più forte di sempre per me. Ma certamente, nonostante questo, la delusione rimane sempre."

Sulle parole dei senatori dopo la sconfitta contro il Sassuolo, il terzino svizzero dichiara: "All'inizio di quest'anno eravamo in difficoltà, nonostante avessimo fatto delle buone prove. Non riuscivamo a segnare e subivamo gol alla prima occasione che concedevamo agli avversari. Ci siamo parlati dopo il Sassuolo ma anche senza parole avremmo fatto lo stesso questo percorso perché la squadra è forte e non sono sorpreso che siamo tornati su questi livelli". Sulla mancanza degli assist di Pirlo, dichiara: "Ora ci sono Pogba, Marchisio e tanti altri che mettono dei gran palloni, però sicuramente uno come Pirlo manca perché è un fuoriclasse che ti dava tantissimo. Manca a me come manca a tutti i miei compagni". Sul paragone di Dybala con Tevez, dichiara: "A me non piace questo paragone perché Tevez ha più anni, ha vinto di più, ha fatto la sua strada ed è un campione vero. Anche Dybala può diventare molto forte però non si può paragonare un 20enne con un 30enne: vedremo nei prossimi 10 anni cosa succederà."

Sul suo problema cardiaco, dichiara: "E' stato un periodo in cui ho riflettuto tanto, in cui speravo di rientrare il prima possibile. All'inizio non sapevo che problema fosse di preciso e continuavo a pensarci. Alla fine è andato tutto bene ed è stato un piacere ritrovare il campo, i miei compagni e tornare a giocare gare importanti". Sugli ottavi di Champions contro il Bayern Monaco dichiara: "Vedremo se rispetto a tre anni fa è cambiato qualcosa, difficile dirlo adesso. Loro sono molto forti e hanno un ottimo allenatore. Sarà una bella sfida e sarà bello ritrovare Vidal e Coman con cui abbiamo fatto anni importanti. Sono due grandi giocatori, soprattutto Arturo è stata una pedina chiave per gli scudetti vinti". Infine sulla corsa Scudetto, Lichtsteiner dichiara: "Vedremo alla fine chi vincerà, speriamo di essere noi".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Lazio vs Inter - Serie A 2017-2018

Serie A, stagione 2018/2019: annunciate le date ufficiali

Tre i turni infrasettimanali, sei le soste complessive. La finale di Coppa Italia è fissata per il 25 aprile. Da definire il giorno della Supercoppa Italiana

Diritti tv, Perform lancia Dazn: la Serie A sarà anche in streaming

Saranno 114 le partite disponibili online per ogni stagione

Diritti tv, pacchetti assegnati a Sky e Perform: venduti a 973 milioni più 'bonus'

Nessuna offerta da Mediapro e Tim, Mediaset si sfila. Salvo 90° minuto. Trattative per evitare il doppio abbonamento

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00