Lunedì 11 Aprile 2016 - 14:15

Juve, Dybala impaziente: Scudetto vicino, non possiamo perderlo

Mercoledì tornerà ad allenarsi con i compagni e domenica potrebbe ritrovare da avversario i suoi ex compagni del Palermo

Paulo Dybala

 "E' stato un passo in avanto molto importante. I ragazzi hanno fatto una grandissima partita. Siamo molto vicini, non possiamo perderlo". Così Paulo Dybala, attaccante della Juventus, ospite ai microfoni di Mediaset Premium commenta la vittoria dei suoi compagni contro il Milan. I bianconeri a sei giornate dalla fine hanno 6 punti di vantaggio sul Napoli e l'attaccante argentino non vede l'ora di vincere il titolo: "Sto provando una grandissima emozione, anche se non abbiamo ancora vinto niente. Il mio sogno si sta realizzando".

Assente a San Siro per infortunio, Dybala mercoledì tornerà ad allenarsi con i compagni e domenica potrebbe ritrovare da avversario i suoi ex compagni del Palermo in piena crisi: "Sarà una grande emozione, ma devo pensare a far vincere la Juve. I miei compagni non c'entrano niente con questa situazione perché cambiare 10 allenatori in una stagione non è facile. I tifosi non si deve arrabbiare con loro". Infine per l'attaccante argentino ha ribadito che la Juve è stata una scelta azzeccata: "Ho scelto la Juve per perché volevo cominciare a vincere ed ero sicuro di riuscirci. Infatti abbiamo vinto subito la Supercoppa Italiana e ora stiamo lottando per altri due trofei".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Champions League - Conferenza stampa di presentazione Juventus - Sporting Lisbona

Champions, Allegri verso Juve-Sporting: "Non siamo in crisi, Dybala resta rigorista"

Tornare a vincere per mettersi alle spalle una sconfitta. E in ottica qualificazione per i bianconeri il successo è fondamentale

Serie A - Juventus vs Lazio

Dai blackout ai problemi difensivi: tutti i malanni della Juve

Sono tanti i rebus che Massimiliano Allegri dovrà risolvere nei prossimi due mesi

Juventus - Lazio

Gli affanni della Juventus partono dal mercato di Marotta

Una squadra che due volte nelle ultime due partite si fa rimontare ha evidenti limiti di testa più che di gambe, persino di cuore