Martedì 25 Ottobre 2016 - 16:45

Juventus, azionisti approvano bilancio in utile di 4.1 milioni

L'Assemblea si è riunita oggi a Torino sotto la presidenza di Andrea Agnelli

Juve, azionisti approvano bilancio in utile di 4.1 milioni

L'Assemblea ordinaria degli azionisti della Juventus, riunitasi oggi a Torino sotto la presidenza di Andrea Agnelli, ha approvato il bilancio di esercizio al 30 giugno 2016 che si è chiuso con un utile netto di 4.1 milioni (utile di 2.3 milioni nell'esercizio 2014/2015) che è stato interamente destinato a riserve. Conseguentemente non sono stati deliberati dividendi.

L'Assemblea - si legge in una nota - ha inoltre approvato la Relazione sulla remunerazione ai sensi dell'art. 123-ter del D.Lgs. 58/98. Infine si informa che, a seguito del recepimento della direttiva Transparency (decreto legislativo n. 25 del 15 febbraio 2016, d.lgs 25/2016) che ha eliminato l'obbligo di pubblicazione dei Resoconti Intermedi di Gestione, a partire dall'esercizio 2016/2017, Juventus non pubblicherà più tali resoconti con riferimento al primo e al terzo trimestre dell'esercizio modificando conseguentemente il proprio calendario finanziario.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Juve all'esame Porto senza Bonucci. Allegri: Va in tribuna

Juve all'esame Porto senza Bonucci. Allegri: Va in tribuna

Il tecnico punisce il difensore dopo lo screzio avvenuto tra i due al termine del match con il Palermo

Allegri: Bonucci in tribuna con il Porto, il caso è chiuso

Allegri: Bonucci in tribuna con il Porto, il caso è chiuso

Escluso per motivi disciplinari il difensore bianconero

Porto-Juve, Bonucci verso la tribuna per motivi disciplinari

Porto-Juve, Bonucci verso la tribuna per motivi disciplinari

Il difensore pagherebbe il battibecco avuto con Allegri al termine della partita di venerdì contro il Palermo

Trapattoni ottimista: Porto-Juve? Prevarrà mentalità italica

Trapattoni ottimista: Porto-Juve? Prevarrà mentalità italica

"Le squadre portoghesi e le spagnole hanno un concetto tecnico, più che tattico, che le rende abbastanza vulnerabili"