Sabato 07 Gennaio 2017 - 12:30

Juve, Allegri: Sfogo a Doha? Normale, non c'entra con mio futuro

Il tecnico sulla sfuriata in campo che lo ha visto protagonista dopo la sconfitta nella sfida di Supercoppa

Juve, Allegri: Lo sfogo a Doha? Normale, non c'entra con il mio futuro

Quello di Doha "è stato uno sfogo normale, non c'entra niente col mio futuro. Sono due cose completamente separate". Così Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, tornando sulla sfuriata in campo che lo ha visto protagonista dopo la sconfitta nella sfida di Supercoppa. "E' stato semplicemente lo sfogo di un allenatore che tiene in modo particolare al lavoro, soprattutto", ha chiarito il tecnico in conferenza stampa alla vigilia del match con il Bologna. "Dopo tante volte in cui ho elogiato i ragazzi per quello che hanno fatto e stanno facendo, una volta, consentitemelo. In una partita del genere - ha proseguito Allegri - ci può stare perdere, si possono trovare quelli che sono più bravi di noi o che in quel momento si dimostrano più bravi di noi. Ma dopo 35 minuti siamo usciti dalla partita, abbiamo avuto una gestione della partita sbagliata. La partita aveva una sua importanza, era un trofeo da portare a casa. L'andamento dopo 35 minuti è stato un andamento che mi ha fatto molto arrabbiare", ha aggiunto il tecnico bianconero ribadendo che "sto bene e sono contento alla Juventus, spero di rimanere il più a lungo possibile".

- "Se sento intorno di avere la mia Juve? "La sento, è normale", ha assicurato il tecnico. "Ma nell'arco di una stagione è impensabile che tutto vada bene. Ci sono dei momenti o delle partite in cui le cose vengono approcciate in modo sbagliato. Quattro giorni prima della Supercoppa la squadra aveva battuto la Roma facendo una partita tosta, aveva vinto il derby, venivamo da un periodo positivo. Alla fine il periodo è molto positivo. Non è che ci sono crepe o altre cose perchè c'è stato il mio sfogo, e - ha proseguito - credo sia stato legittimo vista l'importanza della partita. Ci sono state molte altre volte in cui ho elogiato la squadra. La Juventus domani deve pensare al cammino che la porterà a vincere lo scudetto ed entrare nella leggenda" "Difficilmente può ricapitare che rivinci cinque Scudetti e poi lotti per il sesto. Quest'anno abbiamo l'occasione e non c'è via d'uscita", ha evidenziato Allegri. Quanto alla Champions "è una cosa particolare. Abbiamo il Porto che è una squadra abituata a giocare la Champions e la tradizione è una cosa che si fa sentire e può pesare. Quindi bisogna farsi trovare pronti e nelle migliori condizioni per passare il turno, che non è così scontato. Ma adesso - ha aggiunto il tecnico bianconero - abbiamo un mese e mezzo per pensare al campionato e alla Coppa Italia".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Cristiano Ronaldo ad un evento promozionale a Pechino

Ronaldo fuoriclasse generoso, mancia record in Grecia: 20mila euro ai camierieri del resort

È quanto rivela il Sun. Il campione è rimasto talmente impressionato dal servizio ricevuto che non poteva andarsene senza un ringraziamento speciale

Cristiano Ronaldo esce per salutare

Juve, il giro del mondo di Ronaldo non passerà dagli Stati Uniti

Non andrà in America con la squadra ma dal 30 luglio sarà a disposizione. Ora è già partito per un tour promozionale della Nike in Cina

Ronaldo con la famiglia allo stadio: subito maglia della Juve per Cristiano Jr.

I primi scatti della nuova vita bianconera postati su Twitter

Juventus - Crotone

Fabio Paratici, l'uomo che ha portato CR7 alla Juventus: "Idea folle nata dopo rovesciata allo Stadium"

Un colpo straordinario quello del dirigente, che la Juve ha 'blindato' con un rinnovo triennale per 'sottrarlo' alla tentazione delle tante offerte ricevute da mezza Serie A