Venerdì 13 Maggio 2016 - 13:00

Juve, Allegri: Ko Verona salutare, ora chiudere bene con Samp

Dybala-Mandzukic in attacco contro blucerchiati, Neto sarà in porta

La Juventus si allena davanti ai tifosi

"I ragazzi hanno capito che giocando come a Verona è quasi impossibile fare risultato. E' vero che dopo 25 vittorie su 26 ci può stare una partita del genere, è fisiologico. Ci ha fatto bene anche perché così domani abbiamo la possibilità di chiudere bene in casa davanti ai nostri tifosi e riprendere il cammino per la finale del 21". Lo ha detto Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, nella conferenza stampa alla vigilia dell'ultima partita di campionato contro la Sampdoria. "Domani dopo la partita ci saranno i festeggiamenti allo stadio davanti ai tifosi, come lo scorso anno", ha aggiunto il tecnico bianconero.

DYBALA-MANDZUKIC IN CAMPO. "Bonucci non andrà in panchina, riposerà Rugani in vista della finale di Coppa Italia. In difesa giocheranno Barzagli e Chiellini, che deve fare almeno un'ora. Giocherà Evra perché Alex Sandro è squalificato". Il tecnico bianconero ha quindi snocciolato il resto della formazione per la gara di domani: "Pereyra dovrebbe essere della partita, in porta gioca ancora Neto per tenersi pronto in vista della finale. In regia Hernanes, in attacco giocheranno Dybala e Mandzukic".

"Pogba gioca, altrimenti si perde il ritmo partita. Poi io sono fatalista, se devono succedere gli infortuni succedono", ha spiegato ancora Allegri in vista della gara contro la Samp. Contro i doriani sarà l'ultima della stagione in campionato, l'occasione di festeggiare lo scudetto insieme ai tifosi: "Domani dobbiamo giocare facendo una buona partita, perché è una questione mentale: più stacchi e peggio è. Sembra ieri che era iniziata la stagione e invece è già finita. Sabato sera faremo una festa fra di noi non sappiamo ancora dove, ma non andremo a letto alle 5 anche se domenica non ci alleneremo". Con il pensiero già rivolto alla finale di Coppa Italia contro il Milan, assente Bonucci toccherà a Barzagli fare il perno centrale di difesa. "Al momento Barzagli può fare il centrale quando non c'è Bonucci, altrimenti si può giocare anche a due dietro", ha spiegato il tecnico. Infine un accenno al mercato: "Alla Juventus devono arrivare giocatori di grande qualità, questo è l'importante. Poi che siano trequartisti, mezzale o mediani davanti alla difesa in qualche modo poi li sistemo".

POCHE CHANCE KHEDIRA. "Khedira ha pochissime possibilità di giocare la finale", ha sottolineato il tecnico bianconero. "Quest'anno ha giocato 25 partite, è sempre soggetto a questi problemi ma è normale che l'anno prossimo dovrà essere gestito meglio. Ma io sono contento di quello che ha fatto", ha aggiunto il tecnico bianconero. Se il tedesco è ancora fermo ai box, pianamente recuperato è Alvaro Morata. "Sta bene, sono due giorni che lavora con la squadra e sarà a disposizione domani e per la finale", ha spiegato Allegri. Per quanto riguarda i tanti infortuni muscolari in questa stagione, il tecnico bianconero ha ammesso:  "E' vero che gli infortuni sono stati più elevati dello scorso anno, con problematiche molto sui polpacci. A differenza dell'anno scorso, abbiamo fatto una preparazione diversa per la Supercoppa".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Juventus vs Inter

Juventus-Inter finisce pari, Allegri: "Mancato gol, loro da scudetto"

Finita la partita è tempo di fare autoanalisi. Spalletti: "Grandissimo punto ma potevamo fare di più"

Juventus vs Inter

Cuadrado-Pjanic convincono, Perisic-Icardi in ombra: le pagelle di Juve-Inter

I voti ai giocatori in campo per il derby d'Italia

Juventus vs Inter

Serie A, l'Inter tiene, la Juve non sfonda e recrimina: 0-0 a Torino

Il derby d'Italia finisce in parità: la Juventus non ha vinto e l'Inter non ha perso

Juventus vs Inter

Serie A, Juventus-Inter finisce 0-0

Finisce 0-0 all’Allianz Stadium tra Juventus e Inter. I nerazzurri restano in testa alla classifica con 40 punti. La Juve raggiunge il Napoli a quota 38.