Mercoledì 14 Settembre 2016 - 09:30

Juncker: Ue non è a rischio dopo Brexit, populismo è male

Il presidente a Strasburgo fa il punto sullo stato dell'Unione

Junker: Ue non è a rischio dopo Brexit, populismo non risolve problemi

"Tutti siamo molto dispiaciuti  per l'uscita del Regno Unito dalla Ue, molti pensano che sia il principio di un collasso ma vogliamo dire che la Ue non è a rischio anche se siamo dispiaciuti per l'uscita del Regno Unito". Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, nel discorso sullo stato dell'Unione.

"Il populismo galoppante non risolve i problemi, li crea. Noi siamo dei costruttori e non una forza distruttrice", ha sottolineato il presidente della Commissione europea. 

Juncker ha aggiunto: "Noi non siamo gli Stati Uniti d'Europa, l'Europa è più complessa, sfaccettata, ha una storia più difficile, ma la nostra storia ci ha resi quello che siamo diventati. Ciò non è un motivo però per rendere le cose ancora più difficili". 

"Non possiamo menare per il naso i cittadini europei, ne hanno abbastanza di queste lotte interne, si sono stancati di menzogne - ha proseguito Juncker - Penso che dovremmo essere veloci e determinati su alcune questioni. I prossimi mesi sono vitali per ottenere una nuova Europa che protegga lo stato Europeo, che ci permetta di prendersi le proprie responsabilità".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Spagna, Palma vieta affitto di appartamenti a turisti dopo proteste residenti

Il divieto dopo vari studi che hanno rivelato che solo 645 degli 11mila avvenivano con le adeguate licenze

Parigi, meeting annuale Vivendi 2018

Francia, Bolloré in stato di fermo per corruzione: avrebbe pagato tangenti in Africa

Il miliardario, primo azionista di Vivendi, sarebbe implicato in una vicenda legata a concessioni portuali in Togo e Guinea

A Toronto un furgone piomba sul marciapiede travolgendo i passanti

Strage a Toronto, furgone travolge pedoni: 10 morti. Arrestato autista 25enne incensurato

Il giovane al volante è piombato sul marciapiede della Yonge Street. Ancora da capire il movente

Caso Alfie Evans: alta tensione e proteste davanti all’ospedale di Liverpool

Alfie, vivo dopo 11 ore senza macchine: "Gli hanno riattaccato l'ossigeno"

Il bimbo britannico è affetto da una grave malattia neurodegenerativa e i giudici hanno deciso di spegnere i macchinari che lo tenevano in vita