Giovedì 09 Febbraio 2017 - 08:30

Usa, il falco Sessions confermato ministro alla Giustizia

La decisione arriva da un Senato profondamente spaccato: la democratica Warren 'paladina' del No

Jeff Sessions confermato alla Giustizia Usa

Un Senato profondamente diviso ha confermato il senatore Jeff Sessione come attorney general, incarico equivalente a quello di ministro alla Giustizia, dell'amministratione Trump negli Stati Uniti. Ciò dopo forti spinte da parte dei democratici per ostacolarlo, preoccupati per il suo orientamento sui diritti civili. Il 70enne Sessions, per due decenni senatore dell'Alabama, è stato confermato con 52 voti favorevoli e 47 contrari. Profondamente fratturato il Senato lungo le linee politiche, con i democratici che si sono opposti pubblicamente alla sua conferma.

LEGGI ANCHE L'alleato di Trump temuto dai difensori per i diritti civili

La senatrice Elizabeth Warren, nota per le sue posizioni di sinistra, è stata zittita in aula per aver voluto leggere una lettera del 1986 scritta da Coretta Scott King, vedova di Martin Luther King Jr., in cui criticava Sessions per le sue posizioni dei diritti civili. Non solo i politici democratici, ma anche gruppi pro diritti civili e immigrati hanno alzato con forza l'allarme sulle sue posizioni su razzismo, immigrazione e riforma della giustizia penale.

Con la conferma di Sessione come attorney general, otto delle 22 nomine di Trump sono confermate. Un processo insolitamente molto lento, a causa della divisione che esse hanno causato. Il Senato, controllato dai repubblicani così come la Camera, ha anche fatto avanzare quella di Tom Price per il dipartimento di Salute. Il voto per la sua conferma è atteso venerdì.

 

Come di rado accade quando un senatore viene confermato a un incarico di governo, Sessions ha preso la parola in aula dopo il voto per chiedere ai membri del Congresso di mostrare un po' di elasticità nei confronti dei componenti dell'altro partito. "Voglio ringraziare chi dopotutto ha trovato sufficiente fiducia per confermarmi come prossimo attorney general", ha detto. "Denigrare le persone che sono in disaccordo con noi, credo, non è una tendenza salutare per il nostro organismo", ha concluso, riferendosi al Senato.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio

Repubblica Ceca, incendio in hotel in centro Praga: 4 morti

Due erano feriti in gravi condizioni che non ce l'hanno fatta. Il fuoco è stato domato dopo due ore