Mercoledì 27 Dicembre 2017 - 12:30

Ius soli, pressing minoranza Dem su Colle. Ma tempo è scaduto

Manconi e Cuperlo chiedono al capo dello Stato di posticipare lo scioglimento delle Camere per votare il provvedimento

Sit in davanti Montecitorio in favore della legge Ius Soli

La minoranza Pd tenta il pressing sullo Ius soli, ma il sipario calato lo scorso sabato 23 dicembre sulla legge di cittadinanza - fermata dalla mancanza del numero legale in Senato - "non si riaprirà, non ci saranno bis". I numeri per portare a casa il provvedimento, infatti, spiegano i renziani, non ci sono e ogni appello "pur nobile è purtroppo inutile".

Sia pur con rammarico anche Paolo Gentiloni domani, con ogni probabilità, prenderà atto - nel corso della conferenza stampa di fine anno - dell'impossibilità di andare avanti, nonostante l'impegno preso, non essendoci i voti per rischiare la fiducia. Eppure all'interno del Partito democratico c'è chi non si arrende.

Continua la sua battaglia, ad esempio, Luigi Manconi: "Ma chi l'ha detto, che si debba votare il 4 marzo? E chi ha stabilito che le Camere si sciolgano tra 24 o, al più, 48 ore?", dice rivolgendosi direttamente al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Per il presidente della commissione Diritti umani del Senato "il tempo c'è. Basta volerlo. Basterebbe prolungare la legislatura di un paio di settimane e prevedere il voto - che so? - per il 18 marzo", azzarda. "Dovremmo tutti unire la nostra voce per chiedere al presidente della Repubblica di posticipare di qualche giorno lo scioglimento delle Camere e di consentire al Senato di discutere lo ius soli", gli fa eco Roberto Cociancich, responsabile nazionale del dipartimento Cooperazione Internazionale del Pd.

Loading the player...

Gianni Cuperlo chiama in causa Matteo Renzi e Paolo Gentiloni. "Non può e non deve finire così. Quegli scranni vuoti al Senato nell'ultimo giorno utile, la fuga dei senatori 5 Stelle, quel brindisi leghista, il dispiacere profondo per quelle assenze di parlamentari del Pd, sono una immagine da cancellare. Per la loro sensibilità a questa battaglia io dico che adesso è il momento giusto perché il capo del Governo e il segretario del Partito Democratico chiedano al presidente Mattarella di prolungare la legislatura di pochi giorni", dice.

Il Capo dello Stato, pur essendo interpellato a più riprese, non intende entrare in una partita che ritiene tutta parlamentare: "Gli appelli vanno fatti ai segretari dei partiti", è la linea del Colle. Per Mattarella ogni decisione - viene spiegato - spetta alle Camere, perché è da lì che devono venire eventuali segnali (che ad ora non ci sono) di una volontà maggioritaria di approvare la legge sulla cittadinanza.

Renzi, dal canto suo, non intende fare sua una battaglia che - numeri alla mano - considera perduta. Sia in aula, dove i voti favorevoli non ci sono, sia nel Paese, dove i sondaggi continuano a premiare chi parla di sicurezza rispetto a chi sceglie l'accoglienza. I suoi, in ogni caso, non apprezzano troppo gli appelli lanciati dalla minoranza dem. "Basta sciocchezze - tuona Rosa Maria Di Giorgi - La verità, ripetuta in ogni modo possibile, è che nonostante appelli e mobilitazioni in questo parlamento e in Senato in particolare i numeri per approvare la legge non ci sono. Ed ancora peggio che non votare lo Ius soli sarebbe quello di farlo bocciare in aula, creando anche un precedente pericoloso per riproporre la legge nella prossima legislatura".

Scritto da 
  • Nadia Pietrafitta
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Governo, resta nodo Savona. Salvini: "No a ministro che piace a Merkel". Appoggio Fdi

Casaleggio: "Mattarella e Conte troveranno soluzione". Renzi: "Spread colpa di Lega e M5s"

Paolo Gentiloni a piedi nei pressi di palazzo Chigi

Gentiloni lascia Chigi e scherza: "Non mi hanno mostrato la stanza dei bottoni"

Il premier uscente ha salutato i dipendenti: "Dovrebbe arrivare il nuovo esecutivo. Lasciamo il Paese con più lavoro, più diritti e conti a posto"

Giuseppe Conte entra alla Camera dei Deputati

Governo, si allungano i tempi. Conte lavora sulla lista dei ministri, incontro informale al Colle

Il premier incaricato dal governatore della Banca d'Italia a Palazzo Koch, poi vertice con Salvini e Di Maio. Conte non scioglierà la riserva prima di sabato

Il Presidente Mattarella a Civitavecchia in occasione della partenza della "Nave della Legalità"

Il Colle non ci sta: "Tema non sono veti, ma diktat su Mattarella e Conte"

Trapelano malumori per la posizione di Di Maio e Salvini su Savona all'Economia