Mercoledì 21 Settembre 2016 - 10:45

Italicum, maggioranza presenta sua mozione: minoranza Pd delusa

Ieri era arrivata dal presidente del Consiglio Renzi la conferma della volontà di aprire al confronto

Italicum, maggioranza presenta  sua mozione. Senatori dem depositano Mattarellum 2.0

La mozione della maggioranza sull'Italicum verrà votata oggi , nel testo nessuna indicazione su dove e come si possa correggere la legge elettorale, su cui si è invocato il confronto e sul quale ha confermato l'apertura al dialogo anche il presidente del Consiglio Matteo Renzi.

L'APERTURA DI RENZI. Renzi ieri da New York aveva risposto ai 5 Stelle che avevano depositato una mozione alla Camera per cancellare l'Italicum e adottare una legge elettorale con il sistem proporzionale. "Noi siamo totalmente disponibili a cambiare" aveva ribadito a margine dell'assemblea generale dell'Onu il premier che poi si è rivolto polemicamente ai grillini: "Per il Movimento il ballottaggio è antidemocratico, non credo che Appendino e Raggi siano d'accordo se no non sarebbero state elette". "Ora aspettiamo Berlusconi e Salvini - ha proseguito il presidente del Consiglio - così tutte le posizioni sono in campo e poi faremo le modifiche".

IL TESTO. Questo è il testo della mozione di maggioranza, proposto da Ap-Pd e Centro democratico, per la modifica della legge elettorale della Camera:

 La Camera, premesso che l'11 luglio 2016 è entrata in vigore la legge 6 maggio 2015, n. 52, comunemente conosciuta come Italicum, in materia di elezione della Camera dei Deputati; è attualmente in corso un ampio dibattito politico su possibili e articolate ipotesi di riforma della citata legge; si impegna ad avviare, nelle sedi competenti, una discussione sulla legge 6 maggio 2015, n. 52, al fine di consentire ai diversi gruppi parlamentari di esplicitare le proprie eventuali proposte di modifica della legge elettorale attualmente vigente e valutare la possibile convergenza sulle suddette proposte.

 

MINORANZA DEM DELUSA.  "Credo che la mozione sia un atto di apertura che non sottovaluto. Non è un modo di buttare la palla in tribuna, ma  non indica tempi, modalità e forme per cambiare la legge elettorale. Non voterò contro perché sarebbe incomprensibile dopo aver chiesto per mesi di modificare l'Italicum. Ma data la timidezza e la reticenza cui è stata scritta per quanto mi riguarda non parteciperò al voto". Così Gianni Cuperlo a margine dell'assemblea del Pd in corso alla Camera sulla legge elettorale. "Avrei preferito un atteggiamento più rispettoso - ha aggiunto - adesso dobbiamo passare a una fase operative".

"Nel 2015 abbiamo messo la fiducia per approvare una legge elettorale sbagliata. Oraá ci viene presentata una mozione generica che non dice nulla e che continua solo il gioco a nascondino di queste settimane" ha detto invece il leader della minoranza Pd Roberto Speranza intervenendo nel corso dell'assemblea dem. "Oggi questa mozione poteva e doveva essere più coraggiosa, pur facendo cadere il dogma dell'intangibilità dell'Italicum.á Ma senza una nostra iniziativa vera del Pd la legge non si cambia - aggiunge - Il massimo che posso fare per dignità è non votare contro una mozione che ritengo debolissima e non partecipare al voto di oggiá per non rompere un filo che ancora ci può essere per recuperare un'iniziativa politica vera per cambiare la legge elettorale".

Loading the player...

CENTRODESTRA UNITO. La posizione resta quella modificare l'Italicum dopo il referendum, qualsiasi sia l'esito, per questo oggi Forza Italia, Fratelli d'Italia e Lega Nord presenteranno in aula alla Camera una mozione comune che impegna il governo a modificare l'Italicum dopo la consultazione referendaria. Di un confronto con il governo, prima di quella data, "non se ne parla. Noi - spiega una fonte azzurra - seguiamo le decisioni della Consulta".

MATTARELLUM 2.0E' stato sottoscritto da 21 senatori del Pd il testo di una nuova legge elettorale - il Mattarellum 2.0 - depositato stamane al Senato. I firmatari sono: Federico Fornaro, Carlo Pegorer, Miguel Gotor, Maurizio Migliavacca, Maria Cecilia Guerra, Paolo Corsini, Silvio Lai, Lodovico Sonego, Lucrezia Ricchiuti, Erica D'Adda, Doris Lo Moro, Massimo Mucchetti, Maria Grazia Gatti, Sergio Lo Giudice, Nerina Dirindin, Walter Tocci, Patrizia Manassero, Claudio Broglia, Felice Casson, Ugo Sposetti e Luigi Manconi. Il Mattarellum 2.0 prevede che 475 deputati siano eletti in altrettanti collegi uninominali a turno unico. I rimanenti 155 seggi sono così attribuiti: 90 deputati, come 'premio di maggioranza', alla lista/coalizione che ottiene il maggior numero di voti sul territorio nazionale (con un tetto massimo di 350 eletti); 30 deputati alla seconda lista; 23 deputati alle liste che superano il 2% a livello nazionale (e hanno ottenuto meno di 20 eletti nei collegi uninominali); 12 deputati continuano ad essere eletti nella circoscrizione estero. "Rispetto all'Italicum - si legge in una nota diffusa dal senatore della minoranza dem Fornaro -, questa proposta si fonda sui collegi uninominali (475 contro i 100 collegi plurinominali dell'Italicum),  non prevede il ballottaggio e assegna il premio di maggioranza in misura fissa (14% dei deputati da eleggere), prevedendo altresì che alla lista/coalizione vincente non possano essere attribuiti complessivamente più dei 350 seggi; assicura il "diritto di tribuna" alle forze politiche minori. Nel testo, infine, è inserita per la prima volta una norma per favorire lo svolgimento di primarie per la scelta dei candidati nei collegi uninominali, al fine di superare uno dei limiti del Mattarellum rappresentato dai cosiddetti paracadutati".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bersani attacca: Il congresso? È solo nuova investitura di Renzi

Bersani attacca: Il congresso? È solo nuova investitura di Renzi

"Si sono abituati a un meccanismo nel quale la dialettica interna è praticamente scomparsa. E questo non va bene"

Fnsi vede Lotti: Su bando agenzie confronto in clima costruttivo

Fnsi vede Lotti: Su bando agenzie confronto in clima costruttivo

Oggi l'incontro tra Lorusso, Giulietti e il ministro

Brexit, Gentiloni: Choc sia occasione risveglio Ue, Italia ci sta lavorando

Brexit, Gentiloni: Choc sia occasione risveglio Ue, Italia ci sta lavorando

Oggi l'avvio formale dell'iter per l'uscita del Regno Unito dall'Unione

M5S: Emiliano testimone, niente sonni tranquilli per Lotti e Renzi

M5S: Emiliano testimone toglie il sonno a Lotti e Renzi

"Ci auguriamo che governatore chiarisca le finalità delle raccomandazioni fatte da Lotti a favore di Russo"