Mercoledì 25 Gennaio 2017 - 17:15

Italicum, Di Battista: Renzi e Boschi vergognatevi e ritiratevi

Taverna (M5S) invita l'ex premier al ritiro per 'fallimento'

Italicum, Di Battista: Renzi e Boschi vergognatevi e ritiratevi

"Matteo Renzi e Maria Elena Boschi la legge che 'doveva copiarci mezza Europa' è in gran parte incostituzionale. Vergognatevi e ritiratevi #Italicum". Così Alessandro Di Battista  (M5S) commenta su Twitter il giudizio della Consulta sull'Italicum.

"Tutto quello che hanno fatto lo hanno toppato,  bloccando il Parlamento e mettendo la fiducia", ha aggiunto il deputato M5S parlando con i cronisti alla Camera. "A perdere la faccia è tutto il governo - attacca -  ora si deve sistemare la legge e si va a votare".

Paola Taverna, senatrice M5S, sulla stessa lunghezza d'onda: "Italicum incostituzionale, l'ennesimo fallimento di Renzi e Boschi è servito. Ritiratevi per sempre e adesso #alvotosubito". 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito