Giovedì 30 Marzo 2017 - 14:30

Italiani uccisi in Libia: chiesto rinvio giudizio per vertici Bonatti

Salvatore Failla e Fausto Piano morirono il 2 marzo 2016 durante un trasferimento mentre erano sotto sequestro

Italiani uccisi in Libia: chiesto rinvio a giudizio per vertici Bonatti

La procura di Roma chiede il rinvio a giudizio per cinque dirigenti della Bonatti spa, e la stessa azienda di Parma, nell'ambito di una tranche dell'inchiesta sulla morte dei tecnici Salvatore Failla e Fausto Piano, avvenuta in Libia il 2 marzo dello scorso anno durante un trasferimento mentre erano sotto sequestro, con altri due colleghi. Il rapimento dei quattro tecnici della Bonatti avvenuto in Libia il 19 luglio del 2015, secondo il pm Sergio Colaiocco che coordina l'indagine, poteva essere evitato se l'azienda avesse attuato le misure di sicurezza previste per chi lavora in quell'area. Per cinque dirigenti dell'azienda, tra i quali il presidente Paolo Ghirelli e il responsabile per la Libia Dennis Morson, e per la stessa Bonatti la procura ipotizza il reato di 'cooperazione colposa' nell'omicidio dei due tecnici.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Operazione 'Gramigna' dei Carabinieri.Scacco al clan Casamonica

Bari, uomo si barrica in casa con il fucile: bloccato

A Palo del Colle. Con lui c'era anche la zia, che è riuscita a scappare

Sanremo 2015 - Quarta serata

Padova, laurea in Scienze per Sammy Basso, affetto da invecchiamento precoce

Il ragazzo di 22 anni è il volto di diverse iniziative a favore della ricerca su questa rara malattia, la progeria. In Italia ci sono 5 casi

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Migranti, presi 11 scafisti a Pozzallo, 4 annegati. Austria: "Non da noi"

Tra i fermati, anche il comandante dell'equipaggio. Il cancelliere Sebastian Kurz invia una lettera al premier Conte: "Non li accogliamo"

Estate, al 24% degli italiani capita di perdere i figli durante le vacanze

Luoghi affollati come spiagge, piscine, parchi a tema e centri commerciali diventano luoghi pericolosi