Giovedì 31 Marzo 2016 - 12:30

Istat: Prezzi alla produzione febbraio calano dello 0,4% mensile

Scendono soprattutto i prezzi dei beni del comparto energetico

Istat: Prezzi alla produzione febbraio calano dello 0,4% mensile

Nel mese di febbraio 2016 l'indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali diminuisce dello 0,4% rispetto al mese precedente e del 3,5% nei confronti di febbraio 2015. Lo comunica l'Istat. I prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno diminuiscono dello 0,5% rispetto a gennaio e del 4,1% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico si registra una flessione dello 0,2% in termini congiunturali e dello 0,9% rispetto a febbraio 2015. I prezzi dei beni venduti sul mercato estero segnano invece una diminuzione dello 0,4% sul mese precedente, con variazioni nulle per l'area euro e dello 0,7% per quella non euro. In termini tendenziali si registra un calo dell'1,8%, con pari diminuzioni per entrambe le zone. Il contributo maggiore al calo tendenziale dei prezzi dei beni venduti sul mercato interno proviene dal comparto energetico (-3,5 punti percentuali). Sul mercato estero i contributi negativi più rilevanti derivano dell'energia e dai beni intermedi per l'area euro (-1,0 punti percentuali), e dai soli beni intermedi per quella non euro (-1,0 punti percentuali). Il settore di attività economica per il quale si rileva il calo tendenziale dei prezzi più marcato è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, con diminuzioni del 19,4% sul mercato interno e del 31,4% su quello estero.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Renzi e Padoan in Consiglio dei Ministri

Via libera ad aggiornamento del Def: deficit/Pil al 2%, nel 2017 crescita dell'1

Renzi: "Chiederemo un altro 0,4% per il terremoto e per la gestione dell'immigrazione"

Grecia, Fmi avverte: Serve ulteriore taglio del debito

Grecia, Fmi avverte: Serve ulteriore taglio del debito

"Crescita è troppo debole, governo acceleri sulle riforme"

Istat rivede crescita Pil 2015: si passa dal +0,8 al + 0,7%

Istat rivede crescita Pil 2015: si passa dal +0,8 al + 0,7%

Il rapporto deficit/Pil è invece confermato al 2,6%

Juncker: Senza flessibilità Italia avrebbe 19 miliardi in meno

Juncker: Senza flessibilità Italia avrebbe 19 miliardi in meno

La replica a distanza di Renzi: L'Europa cambi