Venerdì 08 Gennaio 2016 - 12:00

Istat: Potere d'acquisto famiglie +0,9% nei primi 9 mesi 2015

E' è aumentato dell'1,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,3% sul terzo trimestre del 2014.

Istat: Potere d'acquisto famiglie +0,9% nei primi 9 mesi 2015

Nei primi tre trimestri del 2015, nei confronti dello stesso periodo del 2014, il potere di acquisto delle famiglie è cresciuto dello 0,9%. Nel terzo trimestre del 2015, nello specifico, il potere di acquisto è aumentato dell'1,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,3% sul terzo trimestre del 2014. Lo rileva l'Istat. Sempre nel terzo trimestre dell'anno appena concluso, il reddito disponibile delle famiglie in valori correnti è aumentato dell'1,3% rispetto al trimestre precedente e dell'1,5% nel confronto con il corrispondente periodo del 2014.

 

Nel terzo trimestre 2015, inoltre, la spesa delle famiglie per consumi finali è aumentata in valori correnti dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,2% rispetto al corrispondente periodo del 2014. Mentre il tasso di investimento è stato pari al 6%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali sia rispetto al trimestre precedente sia nei confronti del terzo trimestre del 2014. Roma, 8 gen. (LaPresse) - Nel terzo trimestre 2015, inoltre, la spesa delle famiglie per consumi finali è aumentata in valori correnti dello 0,4% rispetto al trimestre precedente e dell'1,2% rispetto al corrispondente periodo del 2014. Mentre il tasso di investimento è stato pari al 6%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali sia rispetto al trimestre precedente sia nei confronti del terzo trimestre del 2014.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Perugia, bomba rudimentale in una busta davanti filiale Banca Etruria

Banca Etruria, tribunale annulla sanzioni: "Consob sapeva da fine 2013"

La Corte ha cancellato parte delle sanzioni, pari a 2,8 milioni di euro, inflitte lo scorso anno

Sciopero Ryanair 25 luglio 2018

Ryanair, verso un venerdì di scioperi dei piloti in Europa

Tagliati circa 400 dei 2.400 voli europei previsti, per un totale di circa 55 mila passeggeri coinvolti

Presentazione dei risultati raggiunti da Agenzia delle entrate nel 2017.

Fisco, riscossione in vacanza: ad agosto stop a un milione di atti

Al primo posto per numero di atti rimandati a settembre c'è la Lombardia