Mercoledì 21 Giugno 2017 - 10:45

Politiche ridistributive hanno ridotto diseguaglianza nel 2016

Tra le misure principali il bonus di 80 euro e il sostegno di inclusione attiva

Istat, politiche ridistributive hanno ridotto diseguaglianza nel 2016

Il bonus di 80 euro, l'aumento della quattordicesima per i pensionati e il sostegno di inclusione attiva (Sia), cioè le principali politiche redistributive del periodo 2014-2016, hanno aumentato l'equità della distribuzione dei redditi disponibili nel 2016, con l'indice di Gini che è passato da 30,4 a 20,1 e ridotto il rischio di povertà dal 19,2% al 18,4%. Lo stima l'Istat.

Considerando sempre il 2016, l'intervento pubblico realizzato attraverso l'imposizione fiscale e contributiva e i trasferimenti monetari ha determinato una riduzione della diseguaglianza di 15,1 punti percentuali dell'indice di Gini: da un valore di 45,2 punti misurato sul reddito primario a uno di 30,1 in termini di reddito disponibile. Le pensioni e gli altri trasferimenti pubblici hanno avuto un impatto redistributivo di 10,8 punti, maggiore rispetto a quello determinato dal prelievo di contributi sociali e imposte (4,3 punti). Nello specifico, segnala ancora l'Istat, l'intervento pubblico migliora la posizione del 56,6% degli individui con redditi familiari di mercato nulli o molto bassi, appartenenti al quinto più povero della popolazione. Al crescere del reddito di mercato diminuisce l'importanza dei trasferimenti e aumenta quella del prelievo, determinando peggioramenti che non riguardano soltanto individui in famiglie con redditi di mercato elevati, ma anche il 49,6% di chi ha redditi medio-bassi.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Dall'Eni alla presidenza del Milan: chi è Paolo Scaroni

Non solo aziende di Stato: grande tifoso rossonero, è di lunga data anche il suo legame con il mondo del calcio

Salone dell'automobile di Ginevra 2018 - Stand Ferrari

Ferrari, chi è Louis Camilleri, nome in pole per l'incarico di a.d.

Attuale presidente del board di Philip Morris International, ha 63 anni, conosce quattro lingue e ha un patrimonio stimato in 150 milioni di sterline

Salone dell'Automobile a Parigi - Stand FCA

Fca, ecco i quattro nomi per il post Marchionne: ci sono Altavilla e Palmer

In lizza anche Mike Manley, capo di Jeep dal 2015, e il torinese Pietro Gorlier, numero uno globale dei marchi Mopar e Magneti Marelli

Milan, Scaroni nuovo presidente e a.d. ad interim, via Fassone

Inizia la nuova era targata Elliott con la prima Assemblea dei soci sotto la gestione della nuova proprietà