Martedì 14 Febbraio 2017 - 10:15

Istat, nel 2016 aumento stimato del Pil dello 0,9%

Nel quarto trimestre il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2%

Istat, nel 2016 aumento stimato del Pil dello 0,9%

La variazione annua del Pil per il 2016, stimata sui dati trimestrali grezzi, è stata dello 0,9%. Lo rileva l'Istat, segnalando che la variazione acquisita per il 2017 è pari al +0,3%. Il dato è comunque stimato. I risultati dei conti nazionali annuali per il 2016 saranno diffusi il prossimo 1° marzo, mentre quelli trimestrali, coerenti con i nuovi dati annuali, verranno comunicati il 3 marzo. La prossima stima preliminare del Pil è invece fissata per il 16 maggio.

Nel quarto trimestre del 2016 il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dell'1,1% nei confronti del quarto trimestre del 2015. Lo rileva l'Istat nella sua stima preliminare. Negli ultimi tre mesi del 2016, segnala ancora l'Istat a titolo comparativo, il Pil è aumentato su base trimestrale dello 0,5% negli Stati Uniti, dello 0,6% nel Regno Unito e dello 0,4% in Francia. Su base annua, la crescita è stata del 2,2% nel Regno Unito, dell'1,9% negli Stati Uniti e dell'1,1% in Francia.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Camera dei Deputati - Interpellanze urgenti

Ilva, Di Maio: "Procedura di gara un pasticcio. Avvierò un'indagine e chi ha sbagliato ne risponderà"

Calenda replica: "Responsabilità è mia, non ho bisogno di inventare 'manine'. Annulla la gara se la ritieni viziata"

Accordo di libero scambio Ue-Giappone. Tusk: "Messaggio contro protezionismo"

La storica intesa permetterà all'85% dei prodotti agroalimentari europei di entrare nel Paese senza dazi doganali

Camp Jeep 2018: alla scoperta della nuova Wrangler

Fca, a giugno immatricolate 104.100 auto in Europa: Jeep +72,1%

Ottimi risultati anche per l'Alfa Romeo con i suoi modelli di punta Stelvio e Giulia

CHINA-EU-SUMMIT-DIPLOMACY

Dazi, summit Ue-Cina a Pechino: "Evitare conflitti, Wto da riformare"

Il governo cinese, intanto, ricorre all'Organizzazione mondiale del commercio contro la minaccia di tariffe pari a 200 miliardi avanzata dagli Stati Uniti