Mercoledì 01 Marzo 2017 - 11:00

Istat conferma Pil 2016 al +0,9%, debito sale al 132,6%

Il rapporto deficit/Pil scende invece al -2,4%

Istat conferma Pil 2016 al +0,9%, debito sale al 132,6%

Il Pil dell'Italia è cresciuto dello 0,9% nel 2016. Lo riferisce l'Istat, confermando la stima precedente. Nel 2015, afferma l'istituto statistico, il Pil è aumentato in volume dello 0,8%, con una revisione al rialzo di 0,7 punti rispetto a quanto rilevato in precedenza.

Nel 2016, precisa l'Istat, il Pil ai prezzi di mercato è stato pari a 1.672.438 milioni di euro correnti, con un aumento  dell'1,6% rispetto all'anno precedente. I dati disponibili per i maggiori paesi sviluppati indicano un aumento del Pil in volume in Germania (1,9%), nel Regno Unito (1,8%), negli Stati Uniti (1,6%) e in Francia (1,1%).

Dal lato della domanda interna nel 2016 si registra, in termini di volume, una crescita dell'1,2% dei consumi finali nazionali  e del 2,9% negli investimenti fissi lordi. Per quel che riguarda i flussi con l'estero, le esportazioni di beni e servizi sono aumentate del 2,4% e le importazioni del 2,9%.

La domanda interna ha contribuito positivamente alla crescita del Pil per 1,4 punti percentuali (0,9 al lordo della variazione delle scorte) mentre la domanda estera netta ha fornito un apporto negativo (-0,1 punti).

A livello settoriale, il valore aggiunto ha registrato aumenti in volume nell'industria in senso stretto (1,3%) e nelle attività dei servizi (0,6%). Il valore aggiunto ha invece segnato dei cali nell'agricoltura, silvicoltura e pesca (-0,7%) e nelle costruzioni (-0,1%).

DEFICIT E DEBITO. Secondo quanto riportato dall'Istat, il debito pubblico italiano è salito nel 2016 a 2.217,695 miliardi di euro, pari al 132,6% del Pil, a fronte dei 2.172,67 miliardi di un anno prima, pari al 132% del Prodotto interno lordo.

Il deficit delle amministrazioni pubbliche, misurato in rapporto al Pil, è stato invece pari al -2,4% del Prodotto interno lordo, a fronte del -2,7% del 2015. L'avanzo primario, ovvero l'indebitamento netto meno la spesa per interessi, è stato pari all'1,5% del Pil, contro l'1,4% del 2015.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Borsa, Piazza Affari in calo con le banche: ancora bene Fca

Borsa, Piazza Affari in calo con le banche: ancora bene Fca

Lo spread fra Btp e Bund è salito oggi sino a quota 175 punti base

Troppo cara la carne in Svizzera. In Italia è nella media

Troppo cara la carne in Svizzera. In Italia è nella media

Per comprare la stessa quantità di pollo, un operaio indiano al minimo salariale deve lavorare 10 ore e mezza, contro i 20 minuti del suo omologo danese

European Central Bank (ECB) President Mario Draghi addresses a news conference at the ECB headquarters in Frankfurt

Draghi, prove per Jackson Hole: "Politiche cambiano col mondo"

Il presidente della Bce al Lindau Nobel Laureate Meeting prima dell'attessisimo simposio della Federal Reserve da domani al 26 agosto

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

L'operazione, da 57 mld di dollari, creerebbe la più grande azienda integrata al mondo di semi e pesticidi