Mercoledì 02 Dicembre 2015 - 14:55

Istat, Boccia: Vorrei Pil e Bes a braccetto dalla prossima manovra

IMG

Roma, 2 dic. (LaPresse) - "Nel 2016 approveremo la riforma del Bilancio dello Stato, completando un percorso iniziato nel 2009, il mio auspicio è che nella prossima manovra PIL e Bes possano viaggiare insieme, in modo da permettere finalmente alla politica un confronto nuovo sulla crescita del Paese anche dal punto di vista della qualità della vita e non solo in base agli indicatori economici sempre più obsoleti e ai portafogli industriali". Così Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera, chiudendo il dibattito nel corso della presentazione del Rapporto Bes 2015 all'Istat.

"Un tempo - ha aggiunto Boccia - quando si parlava di Europa si parlava di una UE riformista, adesso, soprattutto sulle grandi questioni che impattano sulla vita economica e sociale dei Paesi è diventata, purtroppo, conservatrice. Dagli Eurobond, alla tassazione dell'economia digitale, dai vincoli di bilancio alle politiche regionali. Prevale spesso la conservazione sulla modernità e sul riformismo. Sul BES non siamo soli, è una battaglia comune anche per Paesi come Francia o Spagna. Per questo motivo dico 'intanto iniziamo', cominciamo a smuovere il brontosauro Europa e lasciamo che gli altri Paesi ci seguano".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ITALY-ACCIDENT-BRIDGE-COLLAPSE

Genova, l'Independent attacca il governo: "Stolte accuse all'Ue"

Editoriale durissimo: "La gang di populisti ha cercato di sfruttare il tragico crollo del ponte a fini politici". La commissione: "Sicurezza spetta a concessionario"

Bari, iniziativa Coldiretti per salvare il grano italiano

Motovedetta italiana salva 170 migranti. Salvini attacca: "Non avvertiti"

Il barcone era nelle acque Sar maltesi ed è stato riaccompagnato dalle motovedette di La Valletta verso quelle italiane. Il ministero degli Interni: "Li riportino a Malta"

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Genova, Burlando: "Alla città servono nuove opere, non si torni indietro"

L'analisi dell'ex ministro dei Trasporti nel governo Prodi e presidente della Regione Liguria dal 2005 al 2015