Martedì 05 Luglio 2016 - 10:30

Istat: Aumenta l'occupazione ma non i consumi

L'economia italiana prosegue "la fase di crescita moderata" con qualche dato meno positivo

Istat: Aumenta occupazione, segnali meno favorevoli da consumi

L'economia italiana prosegue "la fase di crescita moderata" sostenuta da un aumento dell'occupazione, e da manifattura, costruzioni e redditività delle imprese, ma "segnali meno favorevoli" provengono dai consumi, dal clima di fiducia delle famiglie e dalle imprese dei servizi. Lo si legge nella nota mensile sull'andamento dell'economia diffusa dall'Istat.

Nel primo trimestre, sottolinea l'istituto statistico, le performance delle società non finanziarie hanno confermato la tendenza al miglioramento dei mesi precedenti: rispetto al trimestre precedente il valore aggiunto è aumento dell'1,2%, il risultato lordo di gestione dell'1,5% e gli investimenti fissi lordi dell'1,0%. "A questi segnali corrisponde, tuttavia, un'evoluzione modesta ed eterogenea degli indici di fiducia nel secondo trimestre che segnalano il lieve miglioramento dei giudizi delle imprese manifatturiere e di costruzione a fronte del peggioramento di quelli delle imprese dei servizi di mercato e del commercio", spiega l'Istat.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Antitrust, sessione del 13mo convegno a Treviso

Viaggi in treno, taxi e auto con un click. L'Antitrust monitorerà

Con le app integrate si potrà acquistare l'intero pacchetto di viaggio. E l'Agcm vigilerà su acquisizione e trattamento dei dati

Antitrust, al via al 13mo convegno a Treviso

L'Antitrust: "No a blocco di Fb e Google, ma lotta alle pratiche scorrette"

Il presidente Pitruzzella illustra gli obiettivi dell'Autorità e le nuove battaglie da combattere

Ikea expansion plans

Ikea ritira dal mercato la bicicletta Sladda: è pericolosa

Numerosi gli incidenti causati dalla rottura della cinghia di trasmissione

trattore

Allarme Eurispes: "Lavoro sommerso genera 300 miliardi l'anno, aumentano gli squilibri"

La fotografia di un Paese povero, fragile e dominato dalle disuguaglianze economiche