Martedì 03 Gennaio 2017 - 10:45

Istanbul, polizia ferma i familiari del presunto attentatore

Continua la caccia a un 25enne cinese dello Xinjiang

Istanbul, polizia ferma i familiari del presunto attentatore

Le autorità turche avrebbero preso in custodia la moglie e i due figli del presunto attentatore che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone e ne ha ferite 65 nella discoteca Reina, affacciata sul Bosforo, a Istanbul. La loro identità non è stata resa nota, così come quella del presunto terrorista, ma le forze dell'ordine ne conoscerebbero già il nome. Secondo quanto riporta il quotidiano Hürriyet, la donna avrebbe riferito di non essere mai stata a conoscenza della vicinanza del marito all'Isis e di aver appreso dell'attentato guardando la tv. Il presunto terrorista e la sua famiglia sarebbero arrivati a Istanbul lo scorso 20 novembre con un volo proveniente dal Kirghizistan; due giorni dopo sarebbero partiti per Konya, ufficialmente per cercare lavoro. Il 29 novembre, poi, sarebbero tornati a Istanbul.
 

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Russiagate, Trump al contrattacco: "Fbi spiava la mia campagna"

Per il presidente il Bureau teneva sotto controllo un suo consulente per avvantaggiare Hillary Clinton

La Proactiva Open Arms in azione al largo della Libia

Migranti, appello del Papa: "Basta tragedie". Open Arms non denuncia Italia

Per l'ong la guardia costiera libica è colpevole di omissione di soccorso e omicidio colposo in relazione alla morte di due migranti. Tripoli nega: "Solo calunnie"

Foto diffusa dal profilo Instagram di Kensington Palace - Credit: Matt Porteus

Il principe George compie 5 anni: tanti auguri al royal baby più amato

Pioggia di messaggi affettuosi sui social. E in dono arriva anche una moneta commemorativa

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso