Domenica 09 Luglio 2017 - 20:45

Istanbul, migliaia a 'marcia per giustizia' contro Erdogan

La manifestazione è partita da Ankara a metà giugno contro la condanna a 25 anni di un membro del partito Chp

Turchia, l'opposizione in piazza a Istanbul

 "L'ultimo giorno della nostra 'marcia della giustizia' è un nuovo inizio, un nuovo passo" e "romperemo il muro della paura". Si è rivolto con queste parole alle centinaia di migliaia di persone scese in piazza a Istanbul il leader dell'opposizione Kemal Kilicdaroglu, del partito Chp, parlando al termine della marcia di 25 giorni che lo ha portato da Ankara a Istanbul, accompagnato di volta in volta da chi si univa a lui per protestare contro il presidente turco Recep Tayyp Erdogan, e in particolare contro le purghe seguite al fallito golpe del 2016. Kilicdaroglu aveva lanciato l'iniziativa della 'marcia della giustizia' dopo la condanna a 25 anni di un membro del suo partito, Enis Berberoglu, accusato di spionaggio: il primo deputato del Chp a essere imprigionato nell'ambito delle purghe.

Il comizio di Istanbul è stato l'apice della protesta, dopo i 425 chilometri percorsi. I manifestanti sventolavano bandiere turche e portavano cartelli in cui si chiedeva 'Giustizia'. Se nelle prime tappe della marcia il sostegno a Kilicdaroglu era stato modesto (dopo cinque giorni si erano raccolte intorno a lui solo mille persone), in questa tappa conclusiva - che per il leader del Chp segna però un nuovo inizio - con lui c'erano centinaia di migliaia di persone. 'Diritti, legge, giustizia', intonavano i dimostranti.

In Turchia "l'era in cui viviamo è una dittatura", ha denunciato Kilicdaroglu. Che ha avanzato al governo delle richieste: eliminare lo stato d'emergenza che è stato dichiarato dopo il fallito golpe, rilasciare le decine di giornalisti attualmente agli arresti e ripristinare l'indipendenza della magistratura. Nell'ambito delle purghe post golpe sono state arrestate circa 50mila persone e sono stati sospesi dal servizio 150mila dipendenti fra cui insegnanti, giudici e soldati. Ma per il governo la repressione e i cambiamenti apportati alla Costituzione con il referendum di aprile, che hanno dato a Erdogan più poteri, sono necessari per affrontare sfide e minacce alla sicurezza

Tra la folla, la gente si diceva rincuorata dalla partecipazione alla protesta. "C'è in ballo il futuro" e "vedere questa folla ha fatto fiorire le mie speranze", ha detto Beyhan, dipendente pubblico di 50 anni. Samet Burak Sari, studente universitario di 21 anni, che è finito per un mese in carcere per avere definito Erdogan un terrorista su Twitter, pensa che si tratti della terza volta che l'opposizione scende in piazza con numeri così elevati: la prima volta fu nelle proteste di Gezi Park del 2013, poi ad aprile scorso per il referendum che ha approvato di misura il rafforzamento dei poteri di Erdogan, e infine oggi alla 'marcia della giustizia' a Istanbul.

Fonte Reuters-Traduzione LaPresse

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Egitto, da Usa stop a 300mln in aiuti: pochi progressi in diritti umani

Usa, stop a 300mln in aiuti a Egitto: pochi progressi diritti umani

Frustrazione per una nuova legge che regola le organizzazioni non governative

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Pamela Anderson si schiera con cetacei: Chiudete Marineland ad Antibes

Si è fatta immortalare davanti a un manifesto del parco con un cartello dell'associazione animalista Peta

Barcellona, l'arrestato rivela: "Obiettivo era grande esplosione in Sagrada Familia"

Barcellona, l'arrestato: "Obiettivo era esplosione in Sagrada Familia"

Mohamed Houli Chemlal ha dichiarato davanti ai giudici che l'intenzione iniziale del gruppo era compiere un attentato di maggiori dimensioni

Ciampino, l'arrivo delle salme dei connazionali uccisi durante l'attentato di Barcellona

Barcellona, Francia: Non sapevamo di cellula. Salme vittime in Italia

I quattro terroristi arrestati in tribunale a Madrid. Filone d'indagine in Marocco