Lunedì 02 Gennaio 2017 - 21:30

Israele, investigatori a casa di Netanyahu per interrogatorio

Dopo l'interrogatorio la procura deciderà se aprire un'indagine penale

 Israele, investigatori a casa di Netanyahu per interrogatorio

Gli investigatori della polizia israeliana si trovano nella residenza ufficiale del primo ministro Benajmin Netanyahu per interrogarlo su due casi di corruzione. Lo riferiscono i media locali, anche se l'ufficio del premier e la polizia non hanno voluto commentare. L'interrogatorio era in programma per oggi alle 19 ora locale, le 18 in Italia. Netanyahu è sospettato di aver ricevuto regali da almeno due imprenditori, uno israeliano, l'altro straniero, che sarebbero stati accettati da altri membri della sua famiglia. "Non festeggiate ancora", ha detto oggi il primo ministro all'opposizione.

Dopo l'interrogatorio la procura deciderà se aprire un'indagine penale, in cui potranno essere contestati i reati di frode, accettazione illegale di regali e rottura della fiducia. Il primo ministro ha comunque sottolineato che "non succederà nulla perché non è successo niente", parlando di accuse senza fondamento. L'interrogatorio si concentra in particolare su due casi di corruzione su cui la procura sta indagando da mesi, il principale noto come 'Caso 1.000', il secondo riguardante reati minori, 'Caso 2.000'. L'indagine include 50 testimoni, tra cui l'imprenditore ebreo statunitense Ron Lauder, vecchio amico di Netanyahu, che ha riferito alla polizia di aver dato vari regali al premier e di aver pagato un viaggio all'estero a suo figlio Yair, come scrive il quotidiano Haaretz.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Afghanistan, attacco all'hotel Intercontinental di Kabul: ostaggi e vittime

Un commando di 4 uomini armati ha preso d'assalto la struttura, uno è stato neutralizzato. Il quarto piano è in fiamme

Continua il viaggio di Papa Francesco in Perù

Perù, Papa da alluvionati Niño: "Proteggetevi anche da tempesta sicariato"

Francesco richiama all'unità: mani tese e compassione, perché "ci sono cose che non si improvvisano e tanto meno si comprano"

Usa, governo in shutdown. Trump: "Democratici preferiscono immigrati"

Il provvedimento per rifinanziare il governo per un mese era passato alla Camera, ma si è poi bloccato al Senato

Bergamo, La Coop Sul Serio batte la crisi: quando i lavoratori salvano le aziende dal fallimento

Onu: "Le donne guadagnano il 23% meno degli uomini. È il più grande furto della storia"

Il dato emerge dalla campagna #StopTheRobbery ed è specchio di una situazione diffusa in tutto il mondo