Mercoledì 28 Settembre 2016 - 07:00

Israele, la lunga agonia di Shimon Peres

Aveva 93 anni, era ricoverato da due settimane per un ictus

Israele, è morto l'ex presidente Shimon Peres. Fu Nobel per la Pace con Arafat

L'ex presidente israeliano Shimon Peres è morto all'età di 93 anni all'ospedale Shiva, alle porte di Tel Aviv, dove era ricoverato dallo scorso 13 settembre per un ictus. Il funerale sarà venerdì e, secondo quanto riferisce il quotidiano israeliano Haaretz, vi parteciperà anche il presidente americano Barack Obama. Veterano della politica israeliana, Shimon Peres ha preso parte a quasi ogni evento storicamente rilevante avvenuto dalla fondazione dello Stato ebraico nel 1948 a oggi. E' stato artefice dell'avvicinamento fra israeliani e palestinesi culminato negli accordi di Oslo del 1993, con i quali ci fu il riconoscimento da parte di Israele dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) e viceversa. Proprio per avere dato impulso al processo di pace di Oslo quando era ministro degli Esteri, Peres è considerato uno dei politici israeliani di maggiore importanza a livello mondiale, il che gli valse nel 1994 il Nobel per la Pace insieme allo storico leader palestinese Yasser Arafat, e all'allora primo ministro israeliano Isaac Rabin.

Scritto da 
  • Silvia Caprioglio
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Messico, spari in discoteca a Playa del Carmen: 5 morti

Messico, spari in discoteca a Playa del Carmen: 5 morti

Tre delle vittime sono di nazionalità straniera

Trump: Abrogherò l'Obamacare, ci sarà l'assicurazione per tutti

Trump: Abrogherò l'Obamacare, ci sarà l'assicurazione per tutti

Il tycoon promette di sostituire la riforma sanitaria

Samsung nega suo coinvolgimento nello scandalo corruzione

Samsung nega suo coinvolgimento nello scandalo corruzione

Chiesto l'arresto per il vicepresidente del colosso sudcoreano

Terrorismo, un arresto in Spagna: reclutava potenziali jihadisti

Terrorismo, un arresto in Spagna: reclutava potenziali jihadisti

"L'accusato avrebbe avvicinato giovani a rischio di esclusione sociale"